planimetria4.jpg (679617 byte)

Alfonsine

  
| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine |

 

La 'via Popilia', Butrium e Agosta, 
la via del Corriere (o via Corriera),
la via Romea

(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

planimetria4.jpg (679617 byte)

a cura di Luciano Lucci (con l'uso di testi e ricerche fatte da Paola Novara)

 

La 'Fossa Augustea' era un imponente canale di collegamento tra il Po e il bacino posto a sud della città di Ravenna.

Nel 132 a.C. lungo la costa romagnola fu inaugurato un percorso che da Rimini portava ad Adria, passando per Ravenna: si chiamò “via Popilia”, ed era una strada romana, realizzata dal console del 132 a.C. Publio Popilio Lenate, dal quale prese il nome. Quel percorso nelle nostre zone subì continue modifiche a causa del terreno cedevole e delle linee di costa mutevoli, tanto che ancora oggi è difficile ricostruirne il tracciato.

In epoca post-antica venne a scomparire, e fu sostituita da un'altra via detta "Strada del corriere", utilizzata nell'ambito  dell'esarcato bizantino con capitale a Ravenna, e che poi mutò il nome in "via Romana", e poi in 'viaRomea'.

Il percorso della via Popilia dopo Ravenna correva subito sull’argine sinistro della Fossa Augustea, (nel primo tratto dell'attuale 'via Sant'Alberto'), poi a un certo punto c’era un’isola in mezzo alla fossa e pare che da lì il percorso passasse a oriente della fossa. (vedi mappa sopra)

Poi da qui in avanti sono stati trovati due possibili tratti, uno più antico e uno successivo all’altro: il più antico era sull’argine della Fossa di Porto, arrivava nella zona dell’attuale S. Alberto, per proseguire probabilmente su un antico cordone dunale i cui resti sono la penisola di Boscoforte

Il tratto modificato, e più recente, era più a nord-ovest nella zona di Umana e proseguiva lungo un altro argine della fossa, quello che attualmente va da Anita a Comacchio. La stazione di ‘Augusta’, segnata nella Tabula Peutingeriana, era in questa zona.

Dalla Tabula Peutingeriana (una delle più antiche mappe militari romane) si vede a Nord di Ravenna sono segnate due zone: la prima con nome Butrium a 10 km, l’altra col nome Augusta  a nord dell’attuale percorso del Reno. Erano probabilmente due stazioni di cambio del cavallo.

L’Augusta è stata individuata nella zona di Umana, a ovest della famosa fossa Augusta che fungeva da idrovia, che partiva da Ravenna, poi un po’ prima di S. Alberto curvava a sinistra e seguiva, formando un arco, il tratto dell’attuale canale di via Cerba. Poi proseguiva fino alla zona di Humana (oggi Anita). Qui poi creava una vasta fossa che aveva nome Fossa di Porto. I sondaggi di Vieggi e Roncuzzi l’hanno individuata a nord del Reno nella punta più a nord dell'isola detta poi "Pereo", dove sorgerà S.Alberto.


 
mappa augusta e percorsi fosse e paludi copia.jpg (218244 byte)

(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

peutingeriana.jpg (375177 byte)

Le stazioni per cambio cavalli di ‘Augusta’ e 'Butrium' segnate nella Tabula Peutingeriana. Questa è una mappa generalmente datata al XIII secolo. Sarebbe opera di un anonimo monaco copista di Colmar, che avrebbe riprodotto, verso il 1265, un documento più antico, da alcuni databile oltre il 380 d.C, un'antica carta romana che mostra le vie militari dell'Impero romano.
(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

mappa-fabbri.jpg (130577 byte)
Rielaborazione grafica di F. Fabbi in base alle localizzazioni fatte dai sondaggi di Arnaldo Roncuzzi e Lelio Veggi, 
(tratto dalle loro pubblicazioni)


La stazione di
BUTRIUM

Le traccie trovate indicano un'area a 10 km. da Ravenna, lungo la via attuale di S. Alberto e nella zona dove questa incontra di via Cerba. È il luogo da dove poi si diramano le due tracce della via Popilia.

Ne parlarono per primi Plinio e Strabone, come un centro abitato di origine umbra, documentato anche sulla Tabula Peutingeriana. 

Sondaggi penetrometrici e saggi di scavo, con resti trovati, che furono svolti da Veggi e Roncuzzi e da altri negli anni '60, hanno fatto pensare che Butrium si affacciasse sulla fossa Augusta, per una banchina di 480 m. rimanendone ad est. Poi tale insediamento rimase coperto da un banco di sabbie alluvionali.

In seguito all'avanzamento della costa verso est la via Popilia rimase sepolta e inutilizzabile e fu sostituita dalla 'via del Corriere', un tratto che ancora oggi ha mantenuto tale nome, e che in mappe antiche era chiamata anche 'via che fa il corriero'. Prese anche il nome di 'via Romana' e poi 'via Romea'. Correva su un nuovo cordone dunale.

isola s clemente copia.jpg (585875 byte)

planimetria2 copia.jpg (565257 byte)

La linea rossa indica la prima via Popilia, la linea verde indica la via Romea, che nella parte verso il Po' di Primaro, e oltre il suo attraversamento, si chiamava 'Via del Corriere'
(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

La via del Corriere
(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

coriiera-antica.jpg (190301 byte)
(cliccare sulle immagini per vederle ingrandite e più definite)

mappa-corriere.jpg (175758 byte)

| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine |