Alfonsine


| Alfonsine |
Ricerche sull'anima di Alfonsine |

Miti di Romagna

E Mazapegul  

di Loris Pattuelli

 

 Il Mazapegul un folletto dispettoso, il protettore delle bestie e della casa. Con il suo bastone da passeggio e con in testa un berrettino rosso, il Mazapegul l'antico spirito che giace con le donne. Di gradevole aspetto, lo si direbbe un incrocio tra un gatto e uno scimmiotto. Come la maggior parte dei suoi simili, non gira che di notte e lascia impronte dappertutto. Se lo tratti bene, ti fa i lavori domestici, ma se lo fai arrabbiare, ti rovescia tutta la casa. Il Mazapegul lo puoi scacciare in centomila modi. Lo puoi anche catturare, chiudendolo in un sacco. Ma a che pro? La notte dopo lo troveresti ancora l, leggero come un refolo di vento e pesante come la pietra degli incubi.


Per il dizionario Devoto-Oli, il folletto un "essere fiabesco della tradizione popolare, piccolo ed astuto, magnificamente operante a danno o a vantaggio dell'uomo". Folletto, in romagnolo fult, nodo di vento, piccolo mulinello che s'alza quando l'aria calma. La radice "fol" significa "soffio d'aria" da cui derivano i termini latini follis, flare, flatus e gli italiani folle, folata, folletto, ma anche fola, favola. Il Mazapegul piccolino, di pelo grigio e corre spedito sulle zampette posteriori. In testa porta un berretto rosso e tra le mani stringe un bastone da passeggio. Per il resto nudo come un verme o un bambino appena nato. Il Mazapegul il genio tutelare della famiglia, lo spirito degli antenati, quell'attivit onirica che mette in comunicazione il cielo con la terra. Per Anselmo Calvetti, Mazapegul derivato da pcul/pcol e significa "il piccolo dalla mazza". La mazza (bastone, martello, zanta) intesa come l'arma con la quale la divinit tutelare della casa impediva agli spiriti maligni di oltrepassare la soglia domestica. 


Il Mazapegul alza le sottane delle signore, salta in groppa alle rane, intreccia le code delle mucche, le criniere dei cavalli, i capelli delle fanciulle, nasconde e sposta oggetti, suggerisce sogni, dona gioia e spensieratezza alle persone amate. Il Mazapegul pu trasformarsi in un filo d'erba, una foglia, un sasso, pu essere cos piccolo da passare per il buco della serratura o cos grande da bloccare una strada. Inconsistente come l'aria, il Mazapegul capace di assumere qualsiasi aspetto, pu diventare un animale, un attrezzo da lavoro, un gomitolo di lana, una fiammella, un mostro, oppure pu trasformarsi in radici, tronchi, rami. Il Mazapegul fa i dispetti a quelli che lavorano, sa imitare la voce umana, si diverte a confondere i discorsi, eccetera, eccetera. Splendida creatura il Mazapegul, vero? Forse ce n' ancora qualcuno in giro, forse c' un qualche nostro conoscente che gli assomiglia un pochino. Bisognerebbe tenerlo presente. 

| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine |