Alfonsine

| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine |


"Sala Unità e Arena", "Club dei Cavernicoli" poi "New Piper", "Sala Edera, 

"Milleluci" e "Rigolò"
 
Quando ad Alfonsine si ballava

di Luciano Lucci  

 

Nei primi anni '50 esistevano ad Alfonsine solo due sale da ballo la Sala Unità dei Comunisti (più l'Arena estiva)


(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Sala 'Unità'

arena unità.jpg (71453 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)  
arena Unità

e la Sala Edera dei Repubblicani, oltre al cinema Corso dove si tennero alcuni Veglioni di Fine anno.jorio volantino.jpg (638805 byte)

Nella Sala Unità si tenevano, solo alla domenica, serate danzanti con varie orchestre e cantanti anche di fama. Poi c'erano 'veglioni' a tema: quello dello Sport, del Cacciatore, di Carnevale e di Capodanno

morandi.jpg (81323 byte)

1965 Gianni Morandi

Enrico Montanari "Salèt" uno dello Staff di Gestione e Gianni Morandi

gruppo anni '50.jpg (166783 byte)

Fine anni '50 "Sala Unità"
Da sinistra: in piedi Matteo Bonetti, Walter Ballotta, Andrea Samaritani e Vincenzo Tamburini . 
A terra, da sinistra: Agide Valenti, Renzo Baldini, Serbio Toschi e Mario Ricci.

gruppo anni 50-2.jpg (145843 byte)

Fine anni '50 "Sala Unità"
Vincenzo (Cencio) Tamburini e Maria (futura moglie), Faccani (Pacona), Walter Ballotta e Renza, e Anna morosa di Agide Valenti , ultimo a sinistra.


(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
1960 Carnevale alla Sala Edera, con l' Orchestra Brini.

Si riconoscono Luciano Corelli, Andrea Forlivesi, Guido Bartololtti (dla Veleda), Gianni Contessi, Gabriele Morigi, Renzo Bartolotti (Pepo), Renzo Martini.

FOTODIGRUPPO-carvevale-62.jpg (486247 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Carnevale alfonsinese del  1962 all'Arena Unità 
Gruppo Frittura Mista
DA SINISTRA:  Cicci (Gabriele Morigi), Muchina (Valter Minguzzi), Fumì (Gabriele Argelli), Pepo (Renzo Bartolotti), Scurzel o Curzel (Luciano Corelli), Pinaglia o Pinaj (Francesco Cecco Minguzzi), Arthur (Renzo Martini), e’ brott o Bruno (Augusto Ruiba), Garavé (Garavini)

antoine.jpg (97638 byte)

Enrico Montanari "Salèt" con il cantante Antoine e Livio Burchi

Una cosa simile si tentò anche alla Sala Edera, puntando però solo su serate a tema

Ma verso la metà degli anni '60 la Sala Unità non era più di moda, si tentò di aprire una specie di 'balera' alla domenica pomeriggio, ma non ebbe successo. 

La Sala Unità, agonizzante senza speranze di salvezza, chiuse i battenti, nel 1968.

 

"Club dei Cavernicoli" (presso "Sala Edera)

Nel 1964-65 un gruppo di ragazzotti del paese vecchio , sollecitati da Alberto Farinelli, un po' più vecchio e più navigato di loro, era riuscito ad ottenere la gestione della sala dei repubblicani al pomeriggio: l'avevano intitolata "Club dei Cavernicoli". Il Farinelli faceva da amministratore e garante col PRI. 
L'apertura era di domenica pomeriggio e si suonava col Juke-box
Qualche gruppo emergente di nuova musica beat trovò spazio qualche domenica.
  L'ambiente era ad imitazione dell'esistenzialismo francese, pareti scure, tavolini con candele e bigliettino con aneddoti e brevi frasi di filosofi vari. Solo una festa notturna dell’ultimo dell’anno con un'orchestra. L'iniziativa durò l'arco di una stagione ed ebbe un buon successo. Poi tutto fu chiuso, suppongo per deficit economico... non si seppe mai chi e come abbia saldato eventuali debiti.

clan cavernicoli con nomi.jpg (206307 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
1964 "Clan dei Cavernicoli", alla Sala Edera di Alfonsine.

 


IL PIPER CLUB (o New Piper)
(presso "Sala Edera)

Nel 1965-66, con l’aiuto di Livio e della Lucia (i coniugi Tardozzi), che gestivano il bar, altri giovani continuarono l'opera avviata dal Club dei Cavernicoli e costituirono il Piper Club (o New Piper). Era un gruppo di amici che insieme gestivano e programmavano i palinsesti della sala Edera.

Il Dott. Subini ne fu il più autorevole   rappresentante e Ugo Cortesi era il ragioniere addetto ai gruppi.

Si ballava ancora con il juke-bok alla domenica pomeriggio ed in diverse giornate festive. 

Si iscrissero da subito all’ERPIC che era una sorta di associazione di categoria che li teneva informati sull’uscita delle orchestre e dei gruppi nonché del loro cachet. Referente nei confronti della SIAE era Cortesi ed il buon amico e compianto Pedna (Agente SIAE), che più di una volta chiuse un occhio, cercando di farli pagare il meno possibile.

Il gruppo promotore e gestionale era composto da Ugo Cortesi, Piercarlo Subini, Giuseppe Margotti, Alberto Vistoli, Franco Guerrini, Gianni Nanni, Gianni Marescotti, Antonio Graziani (Toni e long), poi altri amici, di volta in volta, aiutavano nelle pulizie, a stendere i festoni ed in altri lavori. La gestione non era a scopo di lucro ed il più delle volte qualcuno doveva anticipare i soldi. 

 Luciano Scudellari dei Terrestri ha raccontato che "il contratto prevedeva una domenica pomeriggio al mese per la gran cifra di 25.000 Lire ogni volta.

Da metà del 1966 iniziarono con le orchestre, poi con i primi gruppi locali come i mitici Blackmen di Leo Ceroni con "Urlo negro", i Da Polenta, i Kriptoniani, i Terrestri di Fusignano.

 Portando per la prima volta ad Alfonsine,  i "Judas". Ma il botto lo fecero soprattutto con "I Nomadi" nel 1967.

 

piper-terrestri.jpg (318015 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
I Terrestri di Fusignano

piper_criptoniani.jpg (27852 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
  i Kriptoniani al Piper club di Alfonsine

piper-nomi.jpg (811431 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
1968: una festa alla Sala Edera di Alfonsine


IL MILLELUCI

Nel dicembre1969 aprì il Milleluci nell'abbandonata sala Unità, completamente ristrutturata. 

Dal punto di vista organizzativo e strutturale, (luci psichedeliche, bar, servizio a tavoli con poltroncine, box per disk jockey) il neonato Milleluci era molto superiore al Piper, sebbene una grande maggioranza dei giovani preferisse ancora il Piper. Ma non durò molto... 

milleluci.jpg (175142 byte)

L'egemonia del Milleuci divenne tale che rimase come unica balera ad Alfonsine per i giovani alla domenica pomeriggio. 

mike bongiorno.jpg (75601 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Da sinistra: Alberto Tarroni , Antonio Cortesi , Elio Graziani e Enrico Montanari, Al centro Mike Bongiorno.


corrado.jpg (81388 byte)

(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

Corrado (al centro), da sinistra compaiono: Elio Graziani "Nunì", Enrico Montanari "Salèt", forse l'intermediario di Corrado, Antonio Cortesi "d'la Spèrènza", Waldo Geminiani "Furnarè", ed un ancor giovanissimo Mauro Venturi, che sarà poi Sindaco. Seduto alla scrivania Alberto Tarroni, che , a quei tempi era anche assessore comunale all'edilizia.
bambini2.jpg (229924 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

milleluci bambini.jpg (324456 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

pippo baudo concorso.jpg (126756 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Pippo Baudo al Milleluci 
al Concorso Nazionale Dilettanti

corrado 72.jpg (77010 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Corrado
corrado2.jpg (89778 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Corrado con Flavio Ravaglia

milva davanti albergo stella.jpg (31812 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Milva

 

insegna del milleluci.jpg (315731 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
1987 milleluci.jpg (112270 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

1987 in occasione del 25° compleanno della Fabbrica "Sica". 
Coatti, Scac, Giacomoni, Paola Pazzeschi, Rossano Melandri, Margotti,Veio, Renato Miani,


milleluci.jpg (401741 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
milleluci71-2.jpg (69346 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Le guardarobiere del locale da ballo “Milleluci” di Alfonsine 

gruppo-milleluci-con-pagani.jpg (224711 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)
Giovani dell'epoca al Milleluci

 

enzo donati.jpg (72116 byte)

?, Vanni Ghiselle, Enzo Donati, Antonina Zicolella, ?

 

Mario Zini era nato a Bagnacavallo (RA) il 6 dicembre 1921. Era il maggiore di tre fratelli, due maschi e una femmina, a cui era molto legato. Iniziò la sua attività lavorativa come contadino poi, all'età di 42 anni, nel 1963 fu assunto come operaio presso il Consorzio di Bonifica Ravennate, dove è rimasto fino al raggiungimento della pensione.
Dedito da sempre alle attività sociali a scopo benefico organizzate dal Comune, per il suo carattere disponibile e la sua umanità, è stato sempre benvoluto da tutti. E' stato responsabile di molte strutture, la più rinomata delle quali,
il Dancing Milleluci, può essere considerata a tutti gli effetti una sua creatura.
Scapolo incallito, dopo avere vissuto una vita serena con la famiglia del fratello Domenico, in via Don Minzoni ad Alfonsine, e ricambiato negli affetti da tutti, in particolare modo dai due nipoti che adorava, si è spento tragicamente durante alcuni lavori per una di quelle attività alle quali si era dedicato.
Era il 27 novembre 1991, dopo pochi giorni avrebbe compiuto settant’anni.
 

Al Milleluci di Alfonsine i futuri Rolands in un saggio scolastico.
(riprese di Alberto Vistoli)

Fine anni 80, festival Rock Milleluci, vinto dalla Rolands Band di Alfonsine.

Da destra: Mirko Guerra (chitarra), Gabriele Ravaglia (chitarra), Gabriele Zannoni (tastiera), Simone Argelli (basso), Massimo De Leonardis -John De Leo futuro cantante dei Quintorigo (voce), Marco Barlotti (voce), Marco Ricci (batteria)

 

roland band fine anni '80.jpg (274523 byte)

Nel 1991 anche il Milleluci dovette chiudere. 

 

IL RIGOLO'

 

MOONRAKER - MY GENERATION . LIVE RIGOLO' 1994

Nel 1994, dopo qualche anno dalla chiusura del Milleluci, un gruppo di imprenditori ravennati rilevò l'ex-Milleluci, in affitto e aprì il locale col nome "Rigolò".


 
rigolo-gruppo.jpg (98523 byte)

La sezione del PCI era stata demolita. 

rigolo2.jpg (49915 byte)

Il nuovo locale ebbe un successo enorme per il genere musicale e i gruppi che proponeva: il pubblico veniva da tutta la regione e non solo. 

Era in anticipo sui tempi. 

Ma anche qui qualcosa andò storto con la proprietà, e il Rigolò dovette chiudere a malincuore.

rigolo-consolle.jpg (52401 byte)

Consolle del Rigoló, 1996 
in una serata rock del venerdì sera, dopo il concerto dei Casinò Royale.

 al centro l'alfonsinese Alessandro Guerrini Guerrins, noto Dj di oggi (2017), che ha iniziato lì a fare il dj, gli altri due si chiamano Rob e Vins (altri dj ancora oggi). 

I fiori erano disegnati nella consolle ed erano elemento fisso come il disegno del muro alle loro spalle, con la scritta Berlin 1989.

piper-rigolo.jpg (74276 byte)

 

 



(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

locandina rigolò.jpg (109735 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

rigolò.jpg (131394 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

locandina2.jpg (79011 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

concerti vari.jpg (124043 byte)
(cliccare sulla foto per avere l'ingrandimento)

locandina3.jpg (37847 byte)

| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine |