Alfonsine

 | Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine | La leggenda de "I giorni della merla" |

“I giorni della merla” del gennaio 1945: una data storica per Alfonsine.

Alfonsine minata e rasa al suolo dai tedeschi

 a cura di Luciano Lucci

Il 17 gennaio 1945 una bomba centrò il palazzo di Marén, in Corso Garibaldi ad Alfonsine.

Tra il 20 e il 26 gennaio a tutti gli abitanti di Corso Garibaldi e Piazza Monti fu imposto lo sfollamento e tutte le case furono minate e distrutte dai tedeschi.

Ai primi di febbraio il centro storico di Alfonsine e tutto Corso Garibaldi erano solo macerie

 

aerea_alf_distrutta_orizzontale.jpg (742905 byte)

Alfonsine 1945 dopo la distruzione

La popolazione non obbedì ai tedeschi: in molti non sfollarono

Già ai primi di gennaio 1945 un ordine del comando tedesco aveva intimato lo sfollamento generale dell’intera popolazione di Alfonsine: ”Ordine tassativo: sfollare entro tre giorni verso Argenta e oltre il Po. Chi trasgredirà a tale ordine verrà fucilato immediatamente perché ritenuto partigiano.”

I tedeschi non ne potevano più di avere proprio sulla linea del fronte, dentro il paese, un covo di partigiani che continuamente disarmavano tedeschi, a volte ne uccidevano qualcuno, giustiziavano i collaborazionisti, facevano manifestazioni, divulgavano stampa clandestina, reclutavano nuove forze, passavano informazioni agli alleati.

Ma il PCI clandestino decise di resistere e, dopo aver informato il CLN locale che fu d’accordo, diede indicazione di non obbedire all’ordine dei tedeschi. Dato che i comandi tedeschi al fronte venivano cambiati ogni 15-20 giorni e ogni nuovo comandante subentrava al precedente con nuove idee sue, si riuscì per un po’ a evitare qualsiasi forma di rappresaglia.

Il Comando Tedesco era in quei giorni gestito dalle SS che avevano avuto il compito di mettere più sotto controllo la situazione alfonsinese. La loro sede era il Palazzo d’Marén, in corso Garibaldi. 

villa_marini_bimbi.jpg (196040 byte)

Il Palazzo d’Marén, (detto anche Preda o dell'Ebe) in Corso Garibaldi era la sede del comando SS sul fronte di guerra ad Alfonsine.

La sera del 16 gennaio ci fu un avvicendamento dei soldati. Arrivò un nuovo reparto e un nuovo maggiore delle SS. La notizia arrivò anche ai dirigenti del movimento partigiano che avevano la loro sede nel Municipio, dove avevano allestito il pronto soccorso, e si erano mimetizzati da infermieri e soccorritori. Tramite i loro canali di comunicazione fatti di staffette e radio trasmittenti informarono gli alleati anglo-americani che era appena arrivato il nuovo comandante delle SS e che avrebbero potuto bombardare l’edificio. Si raccomandarono di centrare in modo preciso il palazzo e di fare attenzione a non colpire le scuole che erano di fronte al di là del corso Garibaldi, perché li vi erano alloggiate molte famiglie.

Il 17 gennaio 1945 una bomba centrò il palazzo di Marén, in Corso Garibaldi ad Alfonsine

La mattina del 17 gennaio un aereo anglo-americano arrivò a bassa quota da nord lungo l’asse del corso Garibaldi e bombardò con un'unica bomba il palazzo, sede del comando tedesco. Rimasero uccisi vari tedeschi delle SS, e alcuni civili che abitavano nel palazzo. Molti altri che erano rifugiati nei sotterranei si salvarono. 

Ecco come ha descritto la scena Tonino d’Cài nel suo libro di memorie:

“Un mattino, mentre stavamo macellando, udimmo un aereo sorvolare il paese a bassa quota e distinguemmo, fra il rumore che provocava, un colpo sordo: come quello di una fucilata o di una bomba non esplosa. Ci avvicinammo alla finestra ma non vedemmo nulla di strano e tornammo al nostro lavoro. Dopo un quarto d’ora circa arrivò al pronto soccorso un ragazzo con la testa fasciata, un ragazzo che noi tutti conoscevamo: era Livio. Ci raccontò con tremore che quell’aereo aveva sganciato una bomba e aveva colpito il palazzo d’Marèn dove, nel sotterraneo, si trovavano decine e decine di persone, e la notte prima era arrivato anche un comando delle SS. A questo punto andammo di corsa con le barelle. Arrivati al palazzo non riuscivamo a capire in che modo la bomba lo avesse colpito, dato che non si vedeva alcuna rottura nella costruzione. Salimmo la bianca gradinata che portava al portone principale: la porta era divelta, ci affacciammo e rimanemmo sbalorditi nel vedere l’interno del palazzo colmo di macerie e cadaveri di militari e civili. Seppi, in seguito, incontrando in piazza due miei compagni e amici partigiani (Marii e Fiamett) mentre stavano entrando nella casa di Pitade’ (evidentemente di nascosto), che erano stati proprio loro a segnalare, tramite radio trasmittente, la presenza del comando S.S. nel palazzo di Marèn. Quel giorno ci fu un lavoro immenso per noi: per ore e ore togliemmo macerie ed estraemmo cadaveri di civili e di S.S.. Portammo i morti al terzo piano del Municipio e li ripulimmo; i militari furono portati via dai loro camerati, mentre i nostri civili furono seppelliti provvisoriamente dietro al mercato coperto. Per fortuna una parte del sotterraneo aveva resistito e non era crollato, altrimenti avrebbe ucciso altre decine di persone.

Da quel momento i tedeschi divennero feroci: avevano la prova certa che i partigiani di Alfonsine erano in contatto col comando alleato e che avevano passato l’informazione per quel bombardamento mirato. La rappresaglia questa volta ci fu, anche se fortunatamente, non contro le persone: fu emesso un secondo ordine di sfollamento strada per strada, chi si fosse rifiutato sarebbe stato inviato in un campo di concentramento in Germania.

L’esodo forzato della destra Senio

Il 20 gennaio ebbe inizio l’esodo forzato della destra Senio. Una parte di popolazione se ne andò da Alfonsine, ma un’altra si sistemò alla sinistra del Senio. I tedeschi avevano deciso di minare tutte le case di corso Garibaldi e di piazza Monti: il centro storico del paese di Alfonsine cominciò a scomparire sollevando nel cielo lunghe colonne di fumo nero.

palazzo-distrutto.jpg (38551 byte)

Le macerie del palazzo d'Marén (1945)

chiesa_bombardata_teatro_ca.jpg (53554 byte)

Inizio febbraio 1945 – La chiesa e il caffè d’Cai sono un cumulo di macerie. Si vedono sullo sfondo il teatro “Aurora”, l’asilo parrocchiale e in primo piano la Canonica , che subirono la stessa sorte.

 

casa_fascio_distrutta.jpg (171327 byte)

Piazza Monti 1945: Casa del fascio distrutta

Da una testimonianza di Sandrino (Alessandro Montanari) tratta dal libro "Alfonsine Convegno di Studi sulla Resistenza 11-12 aprile 1974":

In quel periodo ricordo, io e Cassani (Marìi ndr) eravamo passati all’interno della “casa Santoni”. Stavamo osservando quasi da romantici la bella biblioteca intatta quando due tedeschi ci spinsero fuori: “Raus, Raus, pericolo”. Infatti ci accorgemmo che sui pavimenti, tra una porta sventrata e l’altra, erano collegate bombe da aereo con miccie già pronte per scoppiare. Comprendemmo in un attimo ciò che stava per accadere. Ebbene eravamo appena arrivati alla rampa del Senio che il palazzo Santoni saltò in aria fragorosamente e facemmo appena in tempo a gettarci bocconi sull’argine del fiume.”

                           La testimonianza di Tonino d’Cài:

Un mattino alle quattro ci svegliarono brutalmente e ci spinsero in fretta e furia nel cortile; ci portarono sulla strada e in fila per due ci fecero oltrepassare l’incrocio di via Mazzini con via Raspona. Oltre l’incrocio, sulla destra, si trovava il magazzino di Argelli detto Fumì, che era stato sventrato dalle granate. Lì ci fecero fermare. Dentro c’erano accatastate bombe da aereo di circa dieci o venti quintali l’una. Ci imposero di prenderne una per ciascuna coppia e di trascinarla per la strada. In questo caso avemmo fortuna perché c’era la neve e così la bomba scivolava senza troppo sforzo. Per eseguire questo compito ci servivamo del filo di rame dell’illuminazione pubblica, caduto a terra per i colpi delle granate: lo legavamo ad un bastone e così potevamo trascinare la bomba con poca fatica. Raggiunto l’argine del fiume lo si scavalcava dalla parte destra del ponte, che era crollato per le bombe; poi si attraversava una passerella: era alquanto stretta e scivolosa e costituiva l’unico collegamento con l’altra sponda. Arrivati all’incrocio con Corso Garibaldi si andava verso destra e s’iniziava a depositare le bombe nelle prime case del Corso, che poi sarebbero state fatte saltare, per distruggere il paese. Un mattino la bomba trainata dalla coppia che ci seguiva, nell’attraversare la passerella, scivolò giù nel fiume provocando un grosso tonfo. Noi proseguimmo continuando a disporre le bombe nelle case, dando ogni tanto un’occhiata dietro di noi, per vedere se i nostri amici erano riusciti a rientrare. Non li vedemmo più. La sera, quando ci si trovò tutti insieme, ci interrogammo per capire cosa potesse essere successo, ma nessuno di noi seppe dare una risposta. Non so se quella coppia di amici sia stata trascinata nel fiume insieme alla bomba; non ne sapemmo più nulla; sperai tanto che si fosse trattato di uno stratagemma per poter scappare, e che il piano fosse riuscito.

 La distruzione del corso continuò ancora per molti giorni, fino a che non si arrivò alla piazza, dove furono messe le bombe anche nella mia casa, nella chiesa, nel comune, nella casa di Santoni e nella pescheria. Solo le abitazioni di un lato della piazza furono risparmiate, dalla casa di Sgarbi fino al porticato del Credito Romagnolo. Io credo che la distruzione del paese fu incompleta solo per la mancanza di bombe, altrimenti sarebbero riusciti a distruggerlo interamente.

Ho sempre pensato che i motivi per cui i tedeschi erano arrivati a questo punto non fossero quelli militari, ma che ci fosse una ragione più profonda: secondo me era quella di vendicarsi del popolo alfonsinese che si era prodigato tanto per ostacolarli e agevolare l’avanzata degli alleati.”

piazza_distrutta.jpg (61425 byte)  

Piazza Monti 1945

 | Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine | La leggenda de "I giorni della merla" |