Alfonsine

| AlfonsineStrade, ponti e edifici pubbliciFoto aeree e panoramiche | La 2° Guerra Mondiale | Piazza Monti | Ricerche sull'anima di Alfonsine |

Un libro su Alfonsine
"E' Café d'Cài" 

(clicca qui, è tutto sul web)

Questo sito è ideato e gestito interamente da Luciano Lucci

Il reperto archeologico più antico di Alfonsine

di Luciano Lucci

- Dov'è e com'è Alfonsine oggi
- Che tempo fa oggi
- Popolazione
- Mappa di Alfonsine
- Mappe Storiche
- Il mito greco di Fetonte
- Greca, etrusca o celtica? 
- Alla ricerca di Spina I
- La centuriazione romana
- L'origine del nome
- Alfonso Calcagnini e la
  Chiesa S. Maria
- Il mulino del Passetto
-
Il Chiavicone
- Il santuario Madonna del Bosco
- Mappe Storiche
- La nascita del comune
  di Alfonsine e lo stemma

- La Settimana Rossa
- Le origini del fascismo
  e dell'antifascismo
- La caduta del fascismo
- La 2° Guerra Mondiale
- La Resistenza
- Esecuzioni sommarie
- La ricostruzione
- Vincenzo Monti
- Giuseppe Orioli
- Mino Gessi
- Stefano Cavazzutti
- Cesare Martuzzi
- Luigi Mercatelli
- Foto di gruppo
- Le famiglie
- Foto aeree e panoramiche
- Strade, ponti, e strutture
  pubbliche
- Edifici importanti del '900
  (Chiese, Palazzi, Teatri,  
   Osterie, Locande)

- Eventi civili, politici, sociali,
  naturali, religiosi, feste e
  sagre  paesane, cronaca nera
- Municipio
- Museo del Senio
- Biblioteca "Pino Orioli"
- Auditorium
- Casa delle
  Associazioni
- Centro diurno "Il
  Girasole"
- RSA-Cub-Medicina di
  Gruppo (ex-Ospedale)
- Centro polivalente
  "Gulliver"
- Centro Giovani "Free to   Fly"
- Scuola Media "A.
  Oriani"
- Scuola Elementare 
  "G. Rodari"
- Scuola Elementare 
  "G. Matteotti"
- Scuola Materna 
  "A. Samaritani"
- Scuola Materna "Il
  Bruco"
- Scuola Materna "Cristo
  Re"
- Asilo Nido
- Centro "I due Luigi"
- Parcobaleno
- L'isola che non c'è
- Il Semaforo
- La Riserva Naturale
- Campo sportivo
  "Cremona"
- Campo sportivo
  "Bendazzi"
- Campetto libero 
  "Caduti Lager"
- Piscina intercomunale
- Palestra
- Arti Marziali
- Oratorio "Don Bosco"
  Centro Scouts
- Cinema Gulliver
- Arena-cinema
  "Parcobaleno"
- Campi da Tennis, 
  Beach Volley
- Festa di Santa Apollonia 
  (9 febbraio)
- Lôm a März 
  (fine febbraio)
- Festa Liberazione 
  (10 aprile)
- Carnevale (marzo)
- La Città dei Ragazzi
- Sagra Alfonsine 
  (fine Maggio)
- Estate in piazza 
  (Luglio- Agosto)
- Festa Madonna
 (8 settembre)
- La Festa dell'Uva
  (Ottobre)
- La Piligréna (Halloween)
  (31 ottobre)
- Natale in piazza
  (24 dicembre)

- Casa Natale di V.  Monti
- Chiesa S. Maria
- Chiesa Sacro Cuore
- Chiesa Madonna del  Bosco
- Chiesa S. Giuseppe 
- Il fontanone
- Luoghi della Resistenza
- Monumento alla  Resistenza
- Monumento a V. Monti
- Oratorio S. Vincenzo
- Oratorio S. Antonio     
  Abate "Paina"
- I cappelletti
- Le tagliatelle al ragù
- I passatelli in brodo
- Pasta e fagioli
- Il castrato di pecora
- Salsiccia ai ferri
- Salumi di maiale
- Baccalà in umido
- Rane in umido e fritte
- Anguilla
- Brodetto di "Buratell"
- Brodetto di "Pescegatto"
- Sabadò
- Frittelle di sangue di maiale
- I Sugàl
- La zuppa inglese
- La polenta
- Pizza fritta
- La piadina

- Albergo "Stella"
- Albergo "Al Gallo"
- Albergo "San Carlo"
- Hotel "La Cantina"
- Agriturismo "Casa del Diavolo"
- Agriturismo "Le Stuoie"
- Agriturismo "L'Angelina"
- Agriturismo "Gemelli"
- Agriturismo "La Cà ad Caplò"
- Bed & Breakfast  "Il giardino"
- "Marini"- (Fayat group)
   (macchine stradali)
- Sica
- CNi
- Fruttagel
  (Coop. Produzione e
  Trasformazione frutta e verdure)
- Le Romagnole
  (Coop. Produzione e
  Trasformazione Uva)
- Contarini
  (Produzione 
  Trasformazione Frutta)
- Filippi
 (Produzione 
  Trasformazione Frutta)
- Aziende artigianali
- Mercato ambulante
  (Lunedì)
- Supermercato Coop
- Supermercato Conad

 

Nella giornata del 21 aprile 2015 credo di aver fatto la più grande scoperta archeologica di Alfonsine.  A chi va il merito? Alla mia nipotina Anita (all'epoca anni 2), che accompagnai in una passeggiata nel campetto dell'oratorio della chiesa Sacro Cuore e che raccolse alcune margherite: le depositò sul basamento della croce. E lì notai, per caso, notai una scritta scolpita nel marmo: 'Alphonso Paulutio tutore'.

margherite.jpg (376235 byte) anita bella.jpg (1556730 byte)

UN BASAMENTO IN MARMO DEL '500 

croce1.jpg (1723463 byte)

Il basamento (l'origine della croce non è nota) è sicuramente un resto della prima chiesa cinquescentesca S. Maria di Alfonsine. 

Nella foto qui a sinistra (aprile 2015) questi due reperti si trovavano uniti entrambi  nel cortile della chiesa S. Cuore da almeno una decina di anni,  semiabbandonati.

Il primo sicuramente ha superato  più di 500 anni: abbattimento e ricostruzione (1540), crollo (1800-1878), di nuovo abbattimento e ricostruzione (1879-1903), incendio dell Settimana Rossa (1914), bombardamento americano (1944) e all'inizio febbraio 1945 crollo finale della chiesa di Alfonsine minata da 30 bombe di mezzo quintale l'una, appostate lungo la navata e le colonne da alfonsinesi costretti dai tedeschi.

(Sulla croce occorre indagare di più)

le loro storie
 

Il basamento

croce 2bis.jpg (1671400 byte)

Il basamento potrebbe aver mantenuto l'iniziale ruolo di base del battisterio del 1502 nell'evoluzione successiva delle ristrutturazioni della chiesa, oppure essere sostituito e dimenticato in qualche magazzino o riutilizzato come vasiera. Da questa fotografia successiva al 1914, si nota che nel battisterio appare un basamento circolare e non ottogonale come il 'nostro'.
Fu forse con le distruzioni della 'Settimana Rossa' che il basamento ottagonale aveva subito una frattura ed era stato poi sostituito e dimenticato?

fonte-battesimale.jpg (162924 byte)

Fonte battesimale della chiesa S. Maria. Fa da sfondo sulla parete l'affresco originale del Margotti in cui si vede il Cristo-Baracca

Probabilmente fu conservato da qualche parte finche la chiesa fu letteralmente rasa la suolo nel febbraio 1945.

COME SI SALVò?

Secondo la testimonianza di Iris Matulli, che ha gestito l'albergo "Al Gallo" dal 1968 al 2016, quel basamento in marmo fu raccattato dalle macerie della chiesa nell'immediato dopoguerra quando la famiglia Bosi (a detta della Cenza Bosi) per ricostruire la loro casa abbattuta utilizzarono anche i resti della chiesa. 

Ma la croce in ferro chi l'avrà poi infilata in quel basamento non suo? e da dove veniva? Secondo ricordi e testimonianza già negli anni '60 era custodita nella vecchia saletta della canonica (già inserita nel basamento attuale?) o nella sacrestia o nella stanza attigua della chiesa Sacro Cuore, secondo la testimonianza di P. Renato Frappi, parroco del Sacro Cuore dal 2000 al 2010)

  Finché una bimba di 2 anni...

Scrive Loris Pattuelli:

"Questa base in marmo e questa croce erano lì, sono sempre state lì, e nessuno s’è mai accorto della loro esistenza. 
Può esserci niente di più tipicamente alfonsinese di questo dato di fatto, di questa semplicissima constatazione? 
Ci voleva il sole di una bella mattinata di primavera per rendere evidente una cosa che
 era sotto gli occhi di tutti. 
A fare la clamorosa scoperta è stata Anita, due anni, nipote di Luciano Lucci. 
L’illustre nonno pare si sia limitato a seguirla e, ci puoi scommettere, l’ha fatto in un modo non molto diverso da come Dante seguiva Virgilio e l’Alice di Carroll seguiva il coniglio bianco. Anita ha semplicemente mostrato a Luciano quello che anche lui, da bravo adulto, non era mai riuscito a vedere. 


Intanto io provo a darmi la carica con questo gioiellino di Bunuel
"

 

 

ECCO LE PROVE DELL'ORIGINE CINQUECENTESCA

Nel basamento in marmo si legge un'incisione:
 Alphonso Paulutio Tutore

croce 2bis.jpg (1671400 byte)

croce2.jpg (2509224 byte)

croce3bis.jpg (1698733 byte)


Un click sulle foto per averne un ingrandimento

croce 3.jpg (3139388 byte)
croce4bis.jpg (1551451 byte) croce 4.jpg (2754523 byte)

Ma chi era Alphonso Paulutio?

Una rapida ricerca su internet (è bastato scrivere su Google 'Alphonso Paulutio') ed ecco la sorpresa:

 In 'Opera aliquot' ('Opere varie') di Celio Calcagnini pubblicata postuma nel 1544 viene citato Alphonso Paulutio, in una lettera del Calcagnini del 1526 al vescovo di Imola Domenico Scribonio dei Cerboni

croce testo.jpg (245673 byte)
(
un click sopra per averne un ingrandimento)

Celio C. al Vescovo di Imola Scribonio

Avrei sempre gradito  padre, ovunque arrivi l'occasione, di ricevere i tuoi scritti, sebbene si tratti di questioni pecuniarie, del cui studio ora ti occupi, e avrei preferito rinunciare tranquillamente alla tua benevolenza e generosità, specialmente di fronte a  quelli, che spesso affermavano di esserti debitori. Dal momento che le cose stanno così, è più agevole per loro accusare di negligenza o di ingratitudine, che sanare: farò in modo che tu abbia la mia attenzione, con nessun altro impegno. Sappi che il ricordo dei tuoi favori verso di me mi accompagnerà nel vivere e nell'agire.
Certamente, avendo ricevuto immediatamente le tue lettere, parlai con Alfonso Paulutio quanto più accuratamente potei, e presi in considerazione il tuo problema molto seriamente. Pregai anche qualcuno, Speriamo veder maturare la vita e che  possa durare. Certamente qualsiasi sia la soluzione a cui lui arriverà, faremo sì che ti sia reso noto perfino in anticipo. A tua volta, ti sarò grato, occupati di quelle meravigliose cose inerenti al giudizio e alla riflessione sulla musica ecclesiastica, come quando alla fine prolungavi le discussioni notturne e di cui mi hai dato talvolta un eccellente esempio. Nel resto del comunicato  non ti faremo mancare a lungo i nostri auspici. Si proceda quanto più velocemente possibile, davvero per noi un ottimo lavoro che veramente ti renderà famoso per l'eternità.

CELIO CALCAGNINI E ALPHONSO PAULUTIO

Ma chi era Celio Calcagnini, primo rettore della chiesa di Alfonsine e chi era Alphonso Paulutio?

Celio Calcagnini fu umanista, scienziato e diplomatico al servizio del Ducato di Ferrara, uno dei più dotti sapienti dell'epoca rinascimentale, soldato, ecclesiastico, professore, poeta, filosofo e storico, fu celebrato da Ludovico Ariosto nell'Orlando furioso (XLII.90, XLVI.14), e formulò una teoria sul moto della Terra influenzata da quella copernicana. 

Nel 1510 aveva abbracciato, certamente su sollecitazione del suo signore di Ferrara, il Duca Alfonso I° d'Este, anche la carriera ecclesiastica. Ordinato sacerdote, veniva provvisto, tramite l'intervento di Ippolito d'Este, di cui era maestro precettore, di un canonicato, cioè una rendita nella cattedrale di Ferrara; ricche prebende poi riceveva da S. Giacomo di Ferrara e di Porotto, ampi benefici a Riolo (nella diocesi di Faenza), a Ferrara (chiesa di S. Maria Bianca), a Fusignano (chiesa arcipretale) e Alfonsine, a Roverdicré (un giuspatronato nel Polesine rovigiano). Fu quindi insignito del titolo di protonario apostolico e nel 1514 si addottorò - nello Studio della sua città - in diritto civile e canonico.

Alfonso I° Calcagnini, feudatario per conto degli Estensi di Ferrara di Fusignano e Alfonsine (Leonino) assegnò la giurisdizione ecclesiastica della pieve alfonsinese, col titolo di Rettore, al suo parente di chiesa più famoso: Celio Calcagnini, suo cugino, già intestatario della carica di Arciprete per la chiesa di Fusignano. In questo modo riuscì a sottrarre alla chiesa ravennate e ai signori di Ravenna i diritti su quei territori.

Comunque Celio Calcagnini svolgeva ben altri compiti più importanti e impegnativi che gestire personalmente una chiesa sperduta nelle valli, e naturalmente mai si sognò di recarsi in queste terre. A lui interessavano solo le prebende e i guadagni che gli spettavano di diritto. E per amministrare tali entrate aveva incaricato un suo uomo di fiducia tale Alphonso Paulutio, come amministratore, fattore, che all'epoca veniva definito 'tutore'.
Fu così che Alphonso Paulutio volle che fosse chiaro a tutti che lui era l'amministratore di quella parrocchia di Alfonsine, e lo fece scrivere sull'unico simbolo che caratterizzava la prima pieve: un basamento di sostegno (forse di una colonna con un battisterio sopra) in marmo di Istria: 'Alphonso Paulutio tutore'. (Il ‘nostro’ basamento ha proprio forma ottagonale come era in uso in tutti i battisteri di quei tempi, per ricordare l'ottavo giorno della creazione, giorno della Resurrezione di Cristo e quindi l'inizio di una nuova era nel mondo). 

Celio Calcagnini, il primo Rettore della chiesa di Alfonsine morì nel 1541.

 

MA COME HANNO FATTO QUEL BASAMENTO E QUELLA CROCE AD ARRIVARE FIN QUI?

LA PRIMA PIEVE (1502)

Alfonso I° Calcagnini investì, nel 1488, 10.000 scudi per avviare la bonifica delle valli che si trovavano dove ora sorge il comune di Alfonsine.

Per queste opere si avvalse di lavoratori di Fusignano, ma anche del  Ferrarese e del Ravennate.

Fece costruire abitazioni e capanni riempendo di abitanti quei luoghi vuoti (come scrive il Rambelli nel 1833 in 'Memorie Storiche dell'Alfonsine'). 

Poi  fece costruire "nel 1502 una chiesetta per il battesimo, che fu detta S. Maria delle Alfonsine, in un punto presso il fiume Senio in cui si trovava un passo barca: lì si creò un villaggetto. Quello che diventò Alfonsine" (G. Gambi, 'L'insediamento umano nella regione della Bonifica Romagnola', CNR 1949). 

Unico arredo quindi UN BATTISTERIO di cui sicuramente il basamento in marmo ne era la base.

Nel 1519 tramite il Breve di Papa Leone X i Calcagnini ottennero il 'gius patronato', oltre che in Fusignano, anche sul contestato territorio alfonsinese che fu delimitato come 'territorio Leonino' (così detto da Leone X). Tale territorio fu definito come 'baronia', un territorio di piccole dimensioni, appunto sotto il controllo di un 'barone'. Questa unità amministrativa era la più piccola e la meno importante, per questo il barone era sempre vassallo di un altro signore più potente di lui, come un visconte o un conte. I conti Calcagnini ebbero, oltre al giuspatronato perpetuo sulla chiesa di Alfonsine Leonino, anche la 'baronia'.  

Il giuspatronato (forma italianizzata dello jus patronatus) era un diritto concesso su un altare di una chiesa ad una famiglia. Tecnicamente era il diritto di proteggere (nel senso di mantenere) e veniva infatti concesso a chi si faceva carico di dotare l'altare stesso, cioè donargli soldi e beni immobili dal quale l'altare (e soprattutto chi lo gestiva) traeva rendite.

Alfonso I° Calcagnini assegnò quindi la giurisdizione ecclesiastica della pieve alfonsinese, col titolo di Rettore, al suo parente di chiesa più famoso Celio Calcagnini, suo cugino, già intestatario della carica di Arciprete per la chiesa di Fusignano. In questo modo aveva sottratto alla chiesa ravennate e ai signori di Ravenna i diritti su quei territori.

Tale prima chiesa consisteva in una sola navata, senza campanile.

mappa_particolare_chiesa_ca.jpg (77345 byte)

La scritta sopra... "Eccl.ia fabricata p. Calcagninos"

Questo è un particolare di una mappa databile 1506. 
(clicca sulla foto per averne un ingrandimento)
La chiesa, qui detta "Eccl.ia fabricata p. Calcagninos",  fu eretta da Alfonso nel 1502, poi rifabbricata più grande dai suoi nipoti Alfonso e Teofilo, nel 1540.

 

chiesa-1520.jpg (200114 byte)

IL DISEGNINO DELLA CHIESA NON è REALISTICO MA SI TRATTA DI UN'ICONA convenzionale USATO NELLE MAPPE D'EPOCA per indicare una chiesa

 

LA CHIESA INGRANDITA (1540)

La prima pieve bastò per una quarantina di anni, poi, crescendo la popolazione, e dovendo garantire un miglior decoro, nel 1540 i nipoti di Alfonso 1° Calcagnini, i conti Alfonso II e Teofilo II, figli di Tommaso I° Calcagnini e Costanza Rangoni, fecero ristrutturare la vecchia pieve trasformandola in una chiesa un po' più grande, con un altare e un battistero, sempre a una sola navata. 

Nella facciata della chiesa così migliorata i Calcagnini posero, in marmo travertino, la seguente epigrafe

ALPHONSUS. ET. THEOPHILUS. CAL
CAGNINI. FRATRES. COMITES.
ET.
DOMINI. TERRITORI. LEONINI
TEMPLUM. B. VIRGINIS. DE. JURE
PATRONATUS.
SUAE. FAMILIAE
A. FUNDAMENTIS. EREXERUNT
ANNO MDXL

Alfonso e Teofilo Cal 
cagnini, fratelli, conti e
 signori del territorio leonino,
 il tempio della Beata Vergine, di GIUS
 patronato della loro famiglia 
dalle fondamenta eressero
 l'anno 1540

Qui i Calcagnini parlano di Territorio Leonino perché nel 1519, come si è già scritto sopra, erano stati investiti di questa carica di 'baroni del Leonino' da Leone X, che aveva imposta quel nome a quelle terre.

Stemma dei Calcagnini,
 con il Leone e le tre palle.

Per a tutto il '600 fino al 1744 la chiesa rimase con una sola navata.

Nel 1818  (e poi nel 1833) ...

Le informazioni tratte dall'Inventario della Chiesa parrocchiale Santa Maria dell'Alfonsine "firmato in occasione della Sagra Visita dell'Anno 1818", (pubblicato da Adis Pasi su Quaderni Alfonsinesi n° 16, pag.16) ci dicono che la struttura a tre navate realizzata nel 1744 aveva in tutto sei altari e un pulpito.

chiesa_15002_disegno.jpg (185312 byte)

Questa immagine della Chiesa Santa Maria è tratta da un affresco trovato nella casa dei Conti Samaritani in via Mameli ad Alfonsine, dell' '800.

Mappa della pianta della chiesa, disegnata nel 1872, durante il periodo di abbattimento e ricostruzione

un clic per ingrandire l'immagine

mappa-chiesa-santa-maria.jpg (144895 byte)

Nel piano anteriore della chiesa da lato sinistro si trova una grande croce di marmo, già de' Cappuccini di Bagnacavallo, che Paolo Massaroli ivi fe' innalzare a sue spese addì 22 Ottobre 1809

La nuova chiesa Santa Maria iniziata nel 1868 e terminata nel 1879 andò poi distrutta nel 1945 con la guerra

La chiesa subì per più di un secolo un progressivo degrado, anche per la decadenza della famiglia Calcagnini. Arrivati al punto che si rischiava il crollo si decise di fare una nuova chiesa. Essa fu fondata nel 1868 mentre era Economo Sp. don Giuseppe Massaroli, morto poi a Bagnacavallo Arciprete della Pieve. Costò la somma di L. 120.000, terminata solo all'esterno e ancora grezza all'interno, rimasta così per mancanza di fondi. Il governo ordinò poi la chiusura della vecchia chiesa, pericolante, che era rimasta in funzione attaccata alla nuova.

 I lavori terminarono nel 1879 con un'interno che rimase grezzo. Solo dal 1893 si iniziò a completarla anche all'interno.

In questa mappa del 1838 si nota in nero la parte della vecchia chiesa che sarebbe stata abbattuta nel 1879. Il progetto fu utilizzati a partire dal 1868.

Nel 1879 fu fatto un secondo appalto per abbattere la chiesa vecchia, fare una sacrestia e un selciato nella nuova chiesa per potervi entrare. Tutto ciò durò fino al 1881 quando il 12 maggio fu nominato Rettore il reverendo Don Gianbattista Ricci Bitti, il quale in undici anni pagò la somma di 60.000 lire. Con quei soldi costruì la sacrestia, l'ancona della Madonna, intonacò le navate, costruì gli altari, il coro, i confessionali e tutto l'arredo interno.

Morto Ricci Bitti nel 1893 lo sostituì per quell'anno un economo don Paolo Scioni, e quindi il Rettore Don Antonio Costa dal 1893 fino al 1903. Fu quest'ultimo a completare la chiesa nuova spendendo 30.000 lire e facendo costruire la canonica e il teatro con altre 20.000 lire.

In un Pro Memoria (raccolto da Adis Pasi) datato Alfonsine 9 giugno 1913 e firmato da Paolo Randi si chiede il saldo dei debiti contratti per i lavori finali:

"Don Antonio Costa venne rettore ad Alfonsine nel 1893 e col pieno consenso del suo vescovo iniziò subito i seguenti lavori, cioè:
1)- costruì ex-novo la canonica a tre piani con 21 ambienti... canonica che non esisteva perché la vecchia fu tutta demolita per ingrandire la nuova chiesa unica del paese.
2)- terminò de tutta la nuova chiesa di metri 52x25 a tre navate che era tutta greggia e appena coperta, decorandola di molti arredi sacri e di un organo del valore di L. 4.000
3)- attiguo alla canonica e alla chiesa sempre ex-novo costruì i proservizi, un locale pel Circolo Cattolico ed una sala ad uso teatro di metri 22x11 con tutto l'occorrente, impianto di gas, per concorrenza al festivale
del paese, e per la preservazione della fede e dei buoni costumi. Attori erano i giovanotti del paese, le bambine del Ricreatorio, ed altri del mestiere.
4)- Costruì di pianta due case coloniche
5)- Pagò circa 15 mila lire di debiti vecchi. Opera tutta che gli costava senza esagerazione oltre le cento mila lire...
6)- Dietro il lascito del signor Antonio Barattoni che lasciava al vescovo... la sua casa civile con un podere di tre ettari per un Istituto religioso di educazione adattò la suddetta casa... ad uso di un asilo infantile, di scuola di studio, di religione, di lavoro femminile, e di Ricreatorio festivo, tutto diretto dalle suore Apostole del S. Cuore... 

... entrò signore ed uscì coi soli panni che aveva indosso, e ai 27 febbraio 1908 fu costretto a rinunziare alla parrocchia compianto da tutti.

(Anno 1884). La chiesa era stata girata di 90° verso la nuova piazza nel 1874. Si nota l'orologio del campanile. La canonica non è ancora costruita.

Nel 1898, a destra della chiesa, fu costruita la canonica.

un clic per ingrandire l'immagine

1910unificate.jpg (148461 byte)

(Anno 1910) Il piazzale della chiesa con la nuova canonica (1898). Di passaggio un gruppo di bersaglieri in bicicletta. In estate ogni anno ad Alfonsine stanziava un reparto dell'esercito italiano, che si sistemava nei locali del Foro Annonario. Gli ufficiali nel Palazzo Lanconelli, nel piazzale della chiesa.

un clic per ingrandire l'immagine

chiesa_incendiata1914.jpg (157880 byte)

(Anno 1914) Il davanti della chiesa durante la 'settimana rossa', 
con i resti delle suppellettili distrutte e incendiate. 

un clic per ingrandire l'immagine

piazzale-chiesa-lungo.jpg (48427 byte)

(Anno 1930)

 Nel lato sul piazzale presenta solo qualche cambiamento dal 1910 al 1930, con la conversione di alcune camere a negozi: il primo era il negozio di tessuti d’la Tangàna (Ida Bruni sposata Faccani), che fino agli anni ‘20 era stato di Natale Pescarini con vendita di oli e macchine da cucire. Poi c’era il negozio di ferramenta d’Marlén (già di Cesare Baldi). Nell’angolo c’era l'ingresso al cortile interno della Canonica dove c'era il campanile e il teatro parrocchiale. Sul lato successivo del piazzale si incontrava la casa di Ennio Salvatori, con due negozi: il primo dell’orologiaio Zannoni, e il secondo del barbiere ‘Brasulina’. A seguire casa Lanconelli (dove abitavano in affitto varie famiglie tra le quali quella del fotografo Luciano Tazzari con la moglie maestra ..........)
Poi casa Altini con un negozio dal 1930, che fu di “Mobili Antichi” e poi di “Barbiere”, quindi il “Caffé Nazionale” detto “d'la Niculéna”, moglie di Pietro Altini, e che in seguito ebbe solo la scritta di “Caffé”.

  un clic per ingrandire l'immagine

quartiere_chiesa_scritte.jpg (62112 byte)

(Anno 1930) Foto aerea del piazzale della chiesa

 

Album di foto della Chiesa Santa Maria (prima e dopo la guerra) e del Sacro Cuore

La Chiesa Santa Maria il 10 aprile 1945


La chiesa ancora in piedi e la canonica colpita da una bomba

un click sulle foto per avere ingrandimenti e scaricarle

chiesa_bombardata_teatro_ca.jpg (53554 byte)

Inizio febbraio 1945 – La chiesa cadde minata da 30 bombe di mezzo quintale l'una, appostate lungo la navata e le colonne da alfonsinesi costretti dai tedeschi. Poi toccò alla canonica, all'asilo e via via tutto il resto, specialmente corso Garibaldi. Nella foto la chiesa e il caffè d’Cai sono un cumulo di macerie. Si vedono sullo sfondo il teatro “Aurora”, l’asilo parrocchiale e in primo piano la Canonica.

un click sulle foto per avere ingrandimenti e scaricarle

chiesa_distrutta.jpg (76068 byte)

Le macerie della chiesa: 
ma la croce del '500 dov'è?


un click sulle foto per avere ingrandimenti e scaricarle

piazza_distrutta1.jpg (76338 byte)

(Anno 1945) La chiesa e la piazza distrutte dalla guerra

  

violina-distrutta.jpg (309955 byte)

(Anno 1945) La chiesa e la violina distrutte dalla guerra

 

Due chiese nel dopoguerra

Con la scelta di sviluppare il nuovo centro di Alfonsine alla sinistra del fiume Senio, l'arciprete Don Liverani decise di trasferire la chiesa nel paese nuovo, dove si iniziò la costruzione della chiesa parrocchiale Santa Maria, mentre nel paese vecchio sarebbe sorta la nuova chiesa parrocchiale del Sacro Cuore, sulle macerie della vecchia chiesa.

Per qualche anno nell'immediato dopoguerra l'arciprete Don Liverani officiò la santa Messa con i cappellani Don Domenico Parmeggiani e, dal 1953, Don Dionisio Vittorietti, utilizzando la piccola canonica che era stata rapidamente edificata (foto sotto). A metà degli anni '50 fu inaugurata la nuova chiesa Santa Maria nel paese nuovo a sinistra del fiume Senio, che ebbe come arciprete Don Liverani stesso, mentre Don Vittorietti divenne parroco della nuova parrocchia del Sacro Cuore.

Anno 1948. Piazzale della chiesa, A sinistra la costruzione che servì da chiesa fino alla metà degli anni '50, oggi canonica

La chiesa Santa Maria
nel paese nuovo

Con la decisione della nuova amministrazione comunale di ricostruire il paese nuovo alla sinistra del fiume Senio si pose il problema se ricostruirvi anche la nuova chiesa Santa Maria. L'arciprete don Liverani partecipò a questa decisione e decise che anche la nuova chiesa arcipretale sarebbe stata ricostruita nel nuovo centro. Così fu, se pur tra varie opposizioni che alla fine si scagliarono contro don Liverani stesso, per aver favorito tale soluzione. La sua decisione spaccò la comunità cattolica e produsse una serie di accuse, come quella di filocomunismo, 

Particolare del progetto Parolini-Vaccaro, per la ricostruzione dove si vede il progetto per la chiesa (1946)

Dopo le fratture ideologiche verificatesi nella comunità alfonsinese, alla fine della predica della messa di Natale del 1949, quando si aprì l'Anno Santo 1950, gridò dall'altare:"Sia l'anno del grande ritorno, sia l'anno del grande perdono!"

La nuova chiesa Santa Maria, posta nel paese nuovo (anno 2000)

 

La chiesa del Sacro Cuore

Nel 1954 fu posta la prima pietra della chiesa del sacro Cuore, ove sorgeva la chiesa Santa Maria, distrutta durante la guerra. Nel 1956 fu inaugurata la nuova chiesa del sacro Cuore e l'omonima parrocchia con a capo il nuovo parroco Don Dionisio Vittorietti 
(clicca qui per saper tutto su chi era Don Vitt)


Elenco dei parroci della chiesa Sacro Cuore di Alfonsine



don Dionisio Vittorietti 1956-1975, parroco
don Genesio Succi, 1976-2000, parroco
don Renato Frappi, 2002- .....

 

inaugurazione sacro cuore 1.jpg (56119 byte)

Piazza Monti (o meglio piazzale della chiesa). 
Don Vittorietti (allora cappellano) da sinistra, poi don Domenico Parmeggiani, il vescovo mons. Giuseppe Battaglia, e altri preti non riconosciuti. 

Il chierichetto era Valter Conti

inaugurazione sacro cuore 2.jpg (76398 byte)

Era il 1954: posa della prima pietra della chiesa del Sacro Cuore

un click sulle foto per avere ingrandimenti e scaricarle

chiesa_sacro_cuore_prima_pi.jpg (171977 byte)

1954: posa della prima pietra della chiesa del Sacro Cuore, in piazza Monti.
Si nota da sinistra don Vittorietti, poi il vescovo mons. Giuseppe Battaglia, il cappellano don Domenico Parmeggiani, e un prete non riconosciuto.

un click sulle foto per avere ingrandimenti e scaricarle

piazzale-chiesa-sacro-cuore.jpg (235443 byte)

Anno 1960: il piazzale ricostruito con la chiesa del Sacro Cuore, dopo che la chiesa Santa Maria fu ricostruita alla sinistra del Senio nel paese nuovo.

 Il basamento del '500 recuperato dalle macerie era finito nel cortile della casa Bosi ('Sbaragnì')

... e la croce?

 La croce chi l'avrà infilata in quel basamento non suo? e da dove veniva? Custodita nella vecchia saletta della canonica (già inserita nel basamento attuale?), poi nella sacrestia o nella stanza attigua della chiesa Sacro Cuore, , non se ne sa l'origine... per ora!

croce1.jpg (1723463 byte)

| AlfonsineStrade, ponti e edifici pubbliciFoto aeree e panoramiche | La 2° Guerra Mondiale | Piazza Monti | Ricerche sull'anima di Alfonsine |