Alfonsine

| Alfonsine | Famiglie alfonsinesi del '900 | Albero genealogico della famiglia Mascanzoni |

Famiglia Mascanzoni

Francesco Mascanzoni 
(?-?)

Era Consigliere Comunale nel 1829 e faceva parte di quei 29 possidenti che chiedevano di spostare il centro del paese alla sinistra del fiume Senio. In quegli anni la battaglia iniziò con la richiesta di costruire un ponte sul vado dove la Via Reale incrociava il fiume Senio. Così si espresse:

"Da questo spaccio di terreno che si chiama Paese, che cosa si raccoglie? Dove sono i Prati, ove i Magazzeni, ove i generi da caricare. Convengo pure io che per esso (cioè per il Ponte della Violina, ndr) più facile e breve per questa Frazione di Paese si renda il passaggio per la Donnicciola, che và alla Bottega a prendere il sale, pel Giuocatore, che và al caffé, per l'ozioso che si ferma sul lato opposto a cicalare, e per qualche divoto, che giornalmente si voglia portare alla Chiesa, essendo però incomodo, atteso la sua lontananza agli altri due terzi della Popolazione. Al contrario se il Ponte fosse al Vado si effettuerebbe meglio il trasposrto dei generi al naviglio, in qualunque stagione, e si avrebbe una comunicazione diretta con esso fino al Po"

La sua conclusione fu che si mantenesse il Ponte della Violina  "al solo uso de' Pedoni, e Cavalli a commodo de' più minuti bisogni della Popolazione, e si costruisce il nuoivo sul Vado a commodo di tuti Trafficanti pel Commercio, e così sarebbero più felici e più agiatamente vivrebbero questi Abitanti"

   Ermenegildo Mascanzoni   
(?-?)

sposa Mariangela Tarroni      

Ermenegildo e Enrico ereditarono una vasta proprietà di terreni e con case e magazzeni dal padre Francesco Mascanzoni, terreni che da via Mazzini arrivavano fino alla zona dell’attuale Consorzio Agrario, con la via Reale da un lato e l’attuale via Martiri dall’altro e da lì diritto fino alla zona dove oggi ci sono le scuole.

                                              

Enrico Mascanzoni
(?-?)

Francesco Mascanzoni
(1846 - ?)

 Vincenza Savioli (Bice)
(1852 - ?)

Sposò Vincenza Savioli detta Bice
Ebbero due figli Aldo  e Giuseppe
Era pollivendola insieme al marito Francesco. 
Era sorella di Maria Savioli, madre di Stefano Rossini detto Pelloni e di Emma Rossini, sposata a Antonio Lucci

Aldo Mascanzoni
(1892 - 1928)

Giuseppe Mascanzoni

mascanzoni_padre.jpg (34314 byte)

Aldo Mascanzoni detto Capelloni e' capurel 

sposò Maria Faccani figlia di Emanuele Faccani (Manuvlàz).

Ebbero una figlia Romana Mascanzoni.

Giuseppe Mascanzoni fece la guerra del '15-18 

Non è certo se morì in guerra. 

sposò Maria Pirazzini con la quale continuò ad esercitare l'attività del padre di pollivendolo.

Vissero in una casa di proprietà in corso Garibaldi, di fianco al Palazzo Contessi (Ernisté). 

Avevano tre appartamentini che davano in affitto, più una camera a piano terra utilizzata come negozio di biciclette dal meccanico Savioli (Saviulé) 

Durante il fascismo Aldo Mascanzoni non condivise il nuovo sistema dittatoriale.

Un giorno era in piazza mentre passava una sfilata dei fascisti non si tolse il cappello. 

Il capo della milizia fascista era il centurione Antonio Camanzi (don Tonino) che gli si avvicinò e lo schiaffeggiò davanti a tutti, gettandogli a terra il cappello.

Ebbe un figlio Giuseppe Mascanzoni (Pino) nel 1928, ma dopo 8 mesi Aldo morì.
La moglie Maria si risposò con Bardèla (Giovanni Tamburini) e il figlio Pino crebbe in questa nuova famiglia.


 

continua col figlio di Aldo Mascanzoni: Giuseppe (Pino)

| Alfonsine | Famiglie alfonsinesi del '900 | Albero genealogico della famiglia Mascanzoni |