villa_marini_bimbi.jpg (462295 byte)

Alfonsine

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine| Torna a "E Straḍ" |

 

Casa Piccinini, Giulia e Tonina Tassinari

(poi dei fratelli Terio e Giǵ Minarelli, col bar)

 

NEL PUNTO 14 (della mappa a destra), 
PRIMA DELLA GUERRA C'ERA: 

Una casa abitata negli anni 20-30 dai coniugi Piccinini, e poi l'altra da Giulia e Tonina Tassinari.

Prima ancora dal 1905 al 1914 qui vi fu la prima bottega di Giuseppe Marini, che si vede nella foto sotto

 

La casa di Piccinini e Tassinari non anḍ abbattuta con la guerra.

 

 

Nel dopoguerra 

la parte di Piccinini fu acquistato dai fratelli Minarelli Terio e Giǵ che vi aprirono la loro casa e il bar, mentre la Giulia e Tonina Tassinari abitarono nella loro casa e fino alla morte.

I fratelli Minarelli rimasero in attività fino agli anni '60 e quando, in età molto avanzata, si ritirarono a riposo, affittarono il locale, poi lo cedettero in vendita ai signori Riminucci: Alfredo Riminucci direttamente gest́ il bar negli anni '70.

In accordo col nuovo proprietario, i fratelli Minarelli decisero di costruire, dietro il bar, un'abitazione per loro uso fino alla morte. 

Oggi (2021) il tutto è di proprietà Riminucci e la casa Tassinari è della nipote Annarosa.

 

cafe-corso.jpg (173010 byte)

Oggi 2021

 

  | Ricerche sull'anima di Alfonsine| Torna a "E Straḍ" |