Alfonsine

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Strad˛" |

 

Vari negozi: 
meccanico Filippo (il gobbo), poi Cortesi (Veri), poi arrotino Raffaele Carioli d'MartlÚna (zoppo), poi negozio di bici Ettore d'Dumizien.

Nel dopoguerra casa e forno di Bragonzoni, poi Toschi (Chilino)

 

 (cliccare o toccare sulle foto per averne un ingrandimento)

 

NEL PUNTO 3 
(della mappa a destra) 
PRIMA DELLA GUERRA C'ERANO: 

La bottega d'angolo

del meccanico da bici Filippo, il gobbo, poi del nipote Cortesi (detto Veri). 


Quando Veri cess˛ l'attivitÓ di meccanico di bici, il suo negozio fu occupato dall'arrotino Raflý MartlŔna (Raffaele Carioli), zoppo dall'infanzia, investito da un tram in via Tranvia dove abitava. Morý giovane a 31 anni, colpito alla testa, durante la guerra, da una granata, mentre dormiva nella casa del suo amico Pellegrino Pezzi, dove era sfollato.

Nel lato poi che faceva angolo verso Carraretto Venturi, aprý un negozio di bici Ettore d'Dumizian, fratello di Annibale (futuro primo sindaco pro tempore dell'immediato dopoguerra)

Con la guerra la casa and˛ distrutta   

 

corso_garibaldi_distrutto_bis.jpg (1834896 byte)

pianta-percorso.jpg (369561 byte)

 

 (cliccare o toccare sulle foto per averne un ingrandimento)

 

Nel dopoguerra

"La Ca d'Bragunz˛"

Qui costruý casa la famiglia Bragonzoni, dove fu aperto il forno-panificio. Pass˛ poi in gestione a Cortesi e infine a Toschi "Chilino".  

 

 

1-2-3-oggi.jpg (152642 byte)

violina_ricostruzione.jpg (315554 byte)

giornalaia-dopoguerra.jpg (56297 byte)

| Ricerche sull'anima di Alfonsine  

| Torna a "E Strad˛" |