Alfonsine

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Strad˛" |

 

Casa Claudio Vecchi (poi Bonavia)

 (cliccare o toccare le immagini per averne un ingrandimento)

NEL PUNTO 19 

(della mappa a destra) 

PRIMA DELLA GUERRA C'ERA: 

Una casa di proprietÓ Claudio Vecchi 

 

Dopo la casa Violani, c'era la casa della famiglia "d'Claugý d'Fatur" (Claudio Vecchi), fattore delle tenute dell'avv. Poletti, nel Fornazzo e in Casso Madonna del Bosco. 

Un uomo che, dall'aspetto e dalla voce imponenti, poteva sembrare duro e autoritario, ma non era affatto vero, perchÚ ospitale e di grande tenerezza per le nipoti Elsa e Lina, figlie di Ettore e della nuora Rina. 

Commerciante in vini, purtroppo caduto in fallimento e poi ancora in disgrazia maggiore: dopo la sua morte, quella del figlio Ettore, disperso in mare nell'ultimo conflitto (la nave che lo trasportava dall'Africa Orientale fu silurata); e della nipote Elsa, morta a ventidue anni di tubercolosi.  

Durante la guerra and˛ distrutto col minamento dei tedeschi di tutto Corso Garibaldi.

Nel dopoguerra

Nel dopoguerra il terreno fu acquistato dalla famiglia Bonavia da Mezzano che vi costruý la nuova casa, sulle macerie della precedente.

Attualmente Ŕ la casa che si vede nella foto qui a destra, rivenduta anni fa dai Bonavia.

vecchi-aerea-prima-guerra.jpg (98900 byte)

Prima del 1945

corso 12.jpg (420683 byte)

 

 

 

casa-bonavia-oggi.jpg (304165 byte)

 

 

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Strad˛" |