casa-gaspara-e-lore.jpg (234846 byte)

Alfonsine

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine| Torna a "E Strad˛" |

 

Casotto della Ufficio Dazio 

NEL PUNTO 14 
(della mappa a destra) 

PRIMA DELLA GUERRA C'ERA: 

un piccolo fabbricato, attaccato al palazzo Lugaresi, per l'Ufficio del Dazio, che dava sul Corso, mentre continuava, lungo piccolo viottolo che portava verso il Municipio, vi erano negozi e altre attivitÓ

mappa-oggi-casa-fascio.jpg (118991 byte)

 Nel casotto c'erano gli Uffici del Dazio (con Marusso), poi la tipografia Martini e Guerrini, che prima era di proprietÓ di Cleta Garavini, moglie del sindaco Camillo Garavini (prima del fascismo).

Seguiva il negozio de "e Cavaler" che vendeva carne equina, poi l'ambulatorio del dott. Lucherini, infine l'autorimessa di Guido Cacchi.

Nel 1929 fu costruita davanti a quel casotto la Casa del Fascio.

Tutto questo and˛ distrutto con la guerra

 

 

dazio2.jpg (36300 byte)

dazio-casa-fascio.jpg (38999 byte)

Nel dopoguerra

L'area dove c'era il casotto con uffici e negozi divenne un passaggio comunale (viottolo) di fianco alla nuova costruzione del comune adibita a scuole, poi a Casa delle Associazioni, (Casa inComune)

dazio-oggi.jpg (60987 byte)

 

  | Ricerche sull'anima di Alfonsine| Torna a "E Strad˛" |