tambini-osteria-corso.jpg (300333 byte)

Alfonsine

 

 


| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Stradò" |

Osteria Tambini, poi Baitò

 (cliccare o toccare le immagini per averne un ingrandimento)

NEL PUNTO 10   

(della mappa a destra) 

PRIMA DELLA GUERRA C'ERA: 

l'osteria Tambini ("Piulò"), poi di "Baitò"

 

Fino ai primi del '900 qui c'era una drogheria e un’osteria. La gestiva e vi abitava con la famiglia “Marté de Pont Nov”, cioè Martino del Ponte Nuovo, padre di Pino Orioli. 

Era stata quindi la casa e la bottega-osteria di Martino Orioli, Marté de pont nuov, che era il padre di Pino Orioli, famoso antiquario di libri, editore di "L'amante di Lady Chatterley".

Pino Orioli nacque e visse i suoi primi 14 anni, fino al 1898, in quel grande caseggiato.

Racconta, nella sua autobiografia a pag. 5, che suo padre Martino aprì una bottega “in fondo alla strada principale, detta allora Stradone, ed ora Corso Garibaldi. La bottega per molto tempo fece buoni affari; infatti era quasi l’unica del genere in paese ed era fornita di una gran varietà di prodotti come droghe, liquori, olio, grano, tabacco, sale farina vasellame, vino e tessuti. Mio padre… era conosciuto come ‘Marté de Pont Nov’ ”

Ma il ramo più importante della sua attività era la fabbricazione di prodotti suini come salami, prosciutti, mortadelle zamponi, cotechini e salsicce che esportava in tutta la Romagna e anche nelle Marche. Una specialità di sua invenzione era una grossa salsiccia da mangiarsi bollita e calda che la gente chiamò “e bel e cot”, ma che lui preferiva chiamare ‘cotechino gentile’. Questa specialità gli fece guadagnare molti soldi. Solo lui sapeva come manipolare e trattare con spezie varie e Sangiovese quella carne di maiale.

Poi per vari motivi (altri negozi, crediti non esigibili, concorrenza di grandi industrie di prodotti suini di Modena e Bologna) successe poi verso 1893 che gli affari andarono di male in peggio e ci fu il crollo. Fu venduta la casa e il negozio. Gli Orioli si trasferirono in un’altra zona del paese, e Martino aprì una piccola osteria che venne frequentata da socialisti rivoluzionari (forse quella in zona Carlo Pisacane?)

Da allora vissero in povertà. Pino Orioli andò a fare il garzone da barbiere e poi si trasferì a Firenze dove già viveva e lavorava il fratello maggiore. Anche lì a bottega da barbiere. Dopo 5 anni andò militare. E poi si trasferì a Parigi e a Londra all’avventura…

 In seguito quella casa fu venduta dagli Orioli.
(nota di Luciano Lucci)

Poi divenne l'osteria di Tambini,("Piulò"). Molti i clienti, cordiale l'accoglienza. Ai Tambini, per cessata attività, succedette "Baitò", oste vivace e bonaccione. 

 (da "E stradò" di Lucia Berti)

Anche questa andò distrutta con la guerra

 

mappa-tambini.jpg (369761 byte)

 

 

 

corso_garibaldi_ponte_nuovo orioli.jpg (295232 byte)

 

 

orioli2.jpg (104422 byte)

 

 

corso 2.jpg (293593 byte)

 

 

 

erculi-e-bendazzi.jpg (179001 byte)

Nel dopoguerra 

Qui nel dopoguerra si stabilì il forno di "Erculì" (Ercole Bracci a cui segui il fornaio Tisio Gualdrini, poi altri, e oggi (2021) rivendita pane, produzione artigianale pasticceria dolce e salata, torte, pasta fresca e gastronomia "Pan di Zucchero di Sara Bassi.

tambini-oggi.jpg (133103 byte)
  

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Stradò" |