3

Alfonsine

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Strad˛" |

 

Case Violani

 (cliccare o toccare le immagini per averne un ingrandimento)

NEL PUNTO 18 

(della mappa a destra) 

PRIMA DELLA GUERRA C'ERA: 

Una casa di proprietÓ 'Violani' 

 

Nel punto 18 della mappa abitavano i contadini che coltivavano il podere di Violani: prima "Stasi˛l" e poi "CaplÚna"

 

 

 

 

 

Nel dopoguerra

Su quel terreno non furono costruite case

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NEL PUNTO 19 

(della mappa a destra) 

PRIMA DELLA GUERRA C'ERA:

Il Palazzo Violani, dove abitava Antonio Violani 
('Tonino d'PasarÚ')

Antonio era nipote del pi¨ noto Domenico Violani (Ming˛ d'PasarÚ). 
Il padre di Tonino, Giuseppe, morto giovane, era infatti fratello di Domenico.

Antonio Violani - scrisse di lui Lucia Berti - viveva con le sorelle Lucia e Antonietta e la madre Luigina, una donna di stampo molto antico, vestita sempre di scuro, introversa e poco socievole. Se ne sta sempre chiusa in casa con la figlia Antonietta, perchÚ Lucia usciva per motivi di studio. Poi and˛ sposa di G. Battista Massaroli e si trasferý a Lugo. 

Con Antonietta la madre Luigina usciva quasi esclusivamente per andare alla Messa. Anche la casa non era accessibile a molti: la porta rimaneva chiusa, con riservatezza.

Durante la guerra and˛ distrutto col minamento dei tedeschi di tutto Corso Garibaldi.

 

Nel dopoguerra

Nel dopoguerra  fu ricostruita da Violani una casetta, su una posizione arretrata rispetto alla vecchia struttura. Poi dal 2000 sul terreno di quella casetta fu costruito un bel palazzo da nuovi proprietari: Vincenzo Minguzzi e Vanna Babini (foto a destra)

Prima del 1945

violani-palazzo-prima-45.jpg (172143 byte)

mappa-terreno-violani.jpg (325829 byte)

 

 

 

corso 12.jpg (420683 byte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1945

 

violani.jpg (184303 byte)

 

 

| Ricerche sull'anima di Alfonsine | Torna a "E Strad˛" |