Alfonsine

| AlfonsineChiesa S. Maria e S. Cuore | Ricerche sull'anima di Alfonsine |

Un libro su Alfonsine
"E' Café d'Cài" 

(clicca qui, è tutto sul web)

Questo sito è ideato e gestito interamente da Luciano Lucci

Don Vittorietti

cappellano ad Alfonsine dal 1950 e poi parroco  dal 1956 al 1973

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

- Dov'è e com'è Alfonsine oggi
- Che tempo fa oggi
- Popolazione
- Mappa di Alfonsine
- Mappe Storiche
- Il mito greco di Fetonte
- Greca, etrusca o celtica? 
- Alla ricerca di Spina I
- La centuriazione romana
- L'origine del nome
- Alfonso Calcagnini e la
  Chiesa S. Maria
- Il mulino del Passetto
-
Il Chiavicone
- Il santuario Madonna del Bosco
- Mappe Storiche
- La nascita del comune
  di Alfonsine e lo stemma

- La Settimana Rossa
- Le origini del fascismo
  e dell'antifascismo
- La caduta del fascismo
- La 2° Guerra Mondiale
- La Resistenza
- Esecuzioni sommarie
- La ricostruzione
- Vincenzo Monti
- Giuseppe Orioli
- Mino Gessi
- Stefano Cavazzutti
- Cesare Martuzzi
- Luigi Mercatelli
- Foto di gruppo
- Le famiglie
- Foto aeree e panoramiche
- Strade, ponti, e strutture
  pubbliche
- Edifici importanti del '900
  (Chiese, Palazzi, Teatri,  
   Osterie, Locande)

- Eventi civili, politici, sociali,
  naturali, religiosi, feste e
  sagre  paesane, cronaca nera
- Municipio
- Museo del Senio
- Biblioteca "Pino Orioli"
- Auditorium
- Casa delle
  Associazioni
- Centro diurno "Il
  Girasole"
- RSA-Cub-Medicina di
  Gruppo (ex-Ospedale)
- Centro polivalente
  "Gulliver"
- Centro Giovani "Free to   Fly"
- Scuola Media "A.
  Oriani"
- Scuola Elementare 
  "G. Rodari"
- Scuola Elementare 
  "G. Matteotti"
- Scuola Materna 
  "A. Samaritani"
- Scuola Materna "Il
  Bruco"
- Scuola Materna "Cristo
  Re"
- Asilo Nido
- Centro "I due Luigi"
- Parcobaleno
- L'isola che non c'è
- Il Semaforo
- La Riserva Naturale
- Campo sportivo
  "Cremona"
- Campo sportivo
  "Bendazzi"
- Campetto libero 
  "Caduti Lager"
- Piscina intercomunale
- Palestra
- Arti Marziali
- Oratorio "Don Bosco"
  Centro Scouts
- Cinema Gulliver
- Arena-cinema
  "Parcobaleno"
- Campi da Tennis, 
  Beach Volley
- Festa di Santa Apollonia 
  (9 febbraio)
- Lôm a März 
  (fine febbraio)
- Festa Liberazione 
  (10 aprile)
- Carnevale (marzo)
- La Città dei Ragazzi
- Sagra Alfonsine 
  (fine Maggio)
- Estate in piazza 
  (Luglio- Agosto)
- Festa Madonna
 (8 settembre)
- La Festa dell'Uva
  (Ottobre)
- La Piligréna (Halloween)
  (31 ottobre)
- Natale in piazza
  (24 dicembre)

- Casa Natale di V.  Monti
- Chiesa S. Maria
- Chiesa Sacro Cuore
- Chiesa Madonna del  Bosco
- Chiesa S. Giuseppe 
- Il fontanone
- Luoghi della Resistenza
- Monumento alla  Resistenza
- Monumento a V. Monti
- Oratorio S. Vincenzo
- Oratorio S. Antonio     
  Abate "Paina"
- I cappelletti
- Le tagliatelle al ragù
- I passatelli in brodo
- Pasta e fagioli
- Il castrato di pecora
- Salsiccia ai ferri
- Salumi di maiale
- Baccalà in umido
- Rane in umido e fritte
- Anguilla
- Brodetto di "Buratell"
- Brodetto di "Pescegatto"
- Sabadò
- Frittelle di sangue di maiale
- I Sugàl
- La zuppa inglese
- La polenta
- Pizza fritta
- La piadina

- Albergo "Stella"
- Albergo "Al Gallo"
- Albergo "San Carlo"
- Hotel "La Cantina"
- Agriturismo "Casa del Diavolo"
- Agriturismo "Le Stuoie"
- Agriturismo "L'Angelina"
- Agriturismo "Gemelli"
- Agriturismo "La Cà ad Caplò"
- Bed & Breakfast  "Il giardino"
- "Marini"- (Fayat group)
   (macchine stradali)
- Sica
- CNi
- Fruttagel
  (Coop. Produzione e
  Trasformazione frutta e verdure)
- Le Romagnole
  (Coop. Produzione e
  Trasformazione Uva)
- Contarini
  (Produzione 
  Trasformazione Frutta)
- Filippi
 (Produzione 
  Trasformazione Frutta)
- Aziende artigianali
- Mercato ambulante
  (Lunedì)
- Supermercato Coop
- Supermercato Conad

 

Don Dionisio Vittorietti

Ognuno di noi dovrebbe, nel corso della propria vita, costruirsi un pantheon di miti, una specie di album di figurine con cui creare una propria mitologia felice, fatta di esperienze, personaggi, eventi che ci hanno tenuto caldo, che hanno acceso energie positive, che hanno comunicato uno stato d’animo di armonia, che hanno nutrito il nostro DNA con sentimenti di creazione. 

Don Dionisio Vittorietti, meglio conosciuto come don Vitt, un piccolo grande prete, che fu ad Alfonsine per 22 anni, dal 1950 al 1973, occupa senz’altro uno dei primi posti per quegli alfonsinesi che lo hanno conosciuto.

Era nato a Faenza il 10 luglio 1927 da Antonietta e Antonio Vittorietti.
Compiuti gli studi presso il Seminario faentino, fu ordinato prete il 16 luglio 1950.
Ebbe subito l'incarico di cappellano presso la Parrocchia di S. Maria ad Alfonsine, in sostituzione di Don Zanelli. Arrivò in bicicletta in un pomeriggio assolato del settembre 1950. Alfonsine era il paese tutto in mano ai comunisti, rinomato per la settimana rossa del 1914, e per la lotta di resistenza. Paese di repubblicani e comunisti, tutti dei senza-dio. Affiancò come cappellano l’arciprete Don Liverani, insieme a don Domenico Parmeggiani. 

Don Vitt si inserì subito nella comunità alfonsinese come insegnante di religione nella Scuola Media, e nell’attività estiva che don Liverani promuoveva con le colonie di gruppi di ragazzi di varie età sulle dolomiti. Santa Brigida in Val Brembana (BG), Santa Giustina (BL), Mezzano di Primiero (TN), Tenna di Levico (TN).

gruppo-scala-scuola-con-nom.jpg (190445 byte)

Interno scuola media di Alfonsine (anno sc. 1951-52)

Tommaso Morigi, Gianni Bertoni, Bebbe Rossini, Don Vitt, Antonio Montanari, Andrea Pagani, Roberto Graziani, Francesco Montanari (Pitadé)

don-vitt-inizi-con-elio-mar.jpg (169631 byte)

Si riconoscono da sinistra prof. di Matematica Poggiali, Luigi Ruiba (bidello), Elio Marini, Don Vitt, Libera Martoni sposata Montanari, mamma di Tino Montanari, Sebastiano Montanari, marito di Libera, Giuseppina Gregori, una prof. di Lettere e Lidia Taroni


(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

gruppo-montagna-neve-con-no.jpg (110961 byte)

Anno 1953: Gruppo vacanza della parrocchia di Alfonsine, a Santa Brigida. in Val Brembana.

Accompagnatore il cappellano Don Vittorietti.

(da sinistra) Gianni Faccani (macellaio), Eligio Ravaglia, Gabriele Argelli, ?, Adolfo Romagnoli, Gamberini (Gimmi), Francesco Montanari (Franz d'Pitadé), Don Vitt, 
Emanuele Faccani, Ballardini (?), Guido Cantoni, Roberto Bedeschi
(figlio della maestra Verdiana)

Nella prima metà degli anni ‘50 i bambini e i giovani di Alfonsine avevano due opportunità per andare in vacanza in montagna: o con i preti della parrocchia, sfruttando le case di proprietà del vescovado di Faenza, a S. Brigida, a Santa Giustina di Belluno, a Mezzano di Primiero, a Tenna di Levico. Oppure in colonia vacanza organizzata dal comune vicino a Brunico. In genere le famiglie non di fede comunista mandavano i figli col prete, quelle di fede comunista col comune.

 

DonVitt-gruppone-colonia-19.jpg (126869 byte)

Gruppo in colonia a Santa Giustina di Belluno
(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

(Seduti da sinistra): Luciano Lucci?, Renzo Minguzzi (e' purcaèr), ?,?,?,?, Roberto Montanari, Augusto Bragonzoni, Rino Montanari, Walter Conti,?,?,?,?, Andrea Forlivesi (formazala)

(File in piedi) si riconoscono tra gli altri Don Vitt al centro, Gianni Taroni, Renzo - Cenzino, Luciano, Bonavia, Andrea Pagani, Franco Cortese, Bebbe Rossini, Rino Martini, 'Cecè' Gamberini

(Ultima fila in alto): Gamberini (Gimmi), Domenico Martini, Rino Martini...

 

don_vitt_gruppo_maschi_montagna3 copia.jpg (346832 byte)

Foto sopra: in colonia in montagna:
si riconoscono Rino Martini, Bonavia, Cenzino, Franco Cortese, Lucianò, 

 

 

 

gruppo_ragazzi_montagna_renzo_cete.jpg (1161471 byte)

Foto a sinistra: in alto da sinistra Rino Martini, ?, ?
?, Renzo Tavalazzi, ... Pagani (Fefè) (?)
(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

foto don vittorietti.jpg (2047913 byte)

Anno 1955 a Mezzano di Primiero: 

Emanuele Faccani (manuvlaz), ? Roberto Bedeschi, Adolfo Romagnoli. In alto Umberto Pagani, ?, Don Vitt, Vittorio Rambelli, Guido Cantoni, ?.

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

inaugurazione sacro cuore 1.jpg (56119 byte)

Piazza Monti (o meglio piazzale della chiesa). 
Don Vittorietti (allora cappellano) da sinistra, poi don Domenico Parmeggiani, il vescovo mons. Giuseppe Battaglia, e altri preti non riconosciuti. Il chierichetto era Valter Conti

CHIESA-prima-pietr1a.jpg (404773 byte)

inaugurazione sacro cuore 2.jpg (76398 byte)

Era il 7 aprile 1953: posa della prima pietra della chiesa del Sacro Cuore

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

chiesa-sacro-cuore-prima-pi.jpg (614447 byte)

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

CHIESA-prima-pietra5.jpg (78524 byte)

Da sinistra Don Vittorietti

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

don vitt e saluti a don liverani.jpg (111358 byte)

chiesa_sacro_cuore_prima_pi.jpg (171977 byte)

1953: posa della prima pietra della chiesa del Sacro Cuore, in piazza Monti.

Si nota da sinistra don Vittorietti, poi il vescovo mons. Giuseppe Battaglia, il cappellano don Domenico, e un prete non riconosciuto.

Quando qualche anno dopo (1956) la parrocchia e la chiesa Santa Maria furono trasferite nel paese nuovo di Alfonsine, alla sinistra del Senio, Don Vitt divenne parroco della nuova costituita parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, nella vecchia storica piazza Monti, alla destra del fiume. Fu insegnante di religione nella Scuola Media di Alfonsine

 

 

don vitt matrimonio .jpg (146374 byte)

Il primo matrimonio celebrato da Don Vitt: Angelo Montanari e Maria Montanari (d'Marlé)

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)


Don Vitt aprì l’oratorio parrocchiale a tutti i ragazzi del paese, sotto la sorveglianza ferrea del papà Antonio: si giocava a pallone dalle 15 alle 17, e poi ci si trasferiva nella saletta dove c’era pure la TV dei ragazzi.

don-Vitt-con-chierichetti.jpg (136622 byte)

Don Vitt con un gruppo di chierichetti, 1955

(da sinistra) ?, Luciano Lucci, Don Vitt, Gilberto Pazzeschi, Gilberto Barattoni-Fini

 

Don Vitt sempre in movimento

 con i suoi parrocchiani

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

don-vitt-gita-a-pompei.jpg (87674 byte)

 

Gita a Pompei   La foto la scattò Adis Pasi. Tra gli altri nel gruppo c'è la prof. Liana Martini, e le ultime due in basso a destra: Brunella Guerra e Giustina Baioni.  La prof. Martini fece recitare ad Adis, - il ricordo è di Giustina Baioni - all'andata, mentre erano in Umbria, l'ode di Giosuè Carducci "Alle Fonti del Clitunno"

 

wpe12.gif (186128 byte)

wpe14.gif (204340 byte)

Si riconoscono la Cenza, Pierina Minguzzi, Idelba Savini, l'Utilla, la Polgrossi, in alto Gilberto Pazzeschi e Don Vitt , 

 

don vitt idelba.jpg (103463 byte)

Rosetta Contarini (mulino ‘Satariv’), Don Vitt, Sergio Mazzotti, Peppino Felice, Italo Gregori, Jader Troncossi detto “La Marchesa” o anche “Vigorone”, Idelba Savini e Alberto Minguzzi.

 

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

  gruppo don vitt 2 con nomi.jpg (377885 byte)

La località, potrebbe essere una chiesa o monastero in Carpegnadon_vitt_palle_di_neve_smal.jpg (36304 byte)

Don Vitt e Marraffa

don vitt re savoia.jpg (97324 byte)

Con il Re di Maggio, Umberto II di Savoia: 1962

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)


Gita in Spagna-Portogallo, in autobus da Alfonsine, anno 1962. Organizzata da Don Vitt e da Vittorio Forlivesi, che era un grande estimatore della monarchia sabauda. Questi decise che si doveva passare prima da Montpellier in Francia dove era sepolta, al cimitero Saint-Lazare, la Regina Madre Elena di Savoia. Qui Vittorio portò i fiori sulla tomba, seguito dai più affezionati al tema, ma non da altri che non gradivano. Poi andarono anche a Cascais, in Portogallo fino a Villa Italia, dove abitavano il re Umberto II e le sue figlie. La foto testimonia l’incontro. Il re Umberto in quei giorni aveva avuto un ictus ed era ancora ‘inscimunito’ (così me l’ha raccontata Hedda Forlivesi che era presente). Hedda ha scritto con Alberto Minguzzi e Utilla Geminiani, e stampato in italiano e in dialetto un diario di quella gita, dove è pubblicata tra l’altro la sua prima poesia in dialetto. Presto andrò a procurarmi questo eccezionale documento.
Nella foto vi sono alcune persone di Lugo che si erano aggregate alla gita e, oltre a quelle già riconosciute vi è una certa Fedora che era la zia di Utilla e insegnava a Longastrino.

 

Gita a Trieste, di fronte a San Giusto, aprile 1963

don vitt a trieste con nomi.jpg (634956 byte)

(un click sulle foto per averne un ingrandimento)

don vitt e don marcucci  una manifestazione.jpg (2100101 byte)

Don Vitt (parroco del Sacro Cuore) e Don Marcucci (parroco della Santa Maria) a una manifestazione in piazza Gramsci (forse per la pace).

Anno 1958 un filmato con don Vitt 
(cliccare sull'immagine per riprodurlo)

don-vitt-azzurro.jpg (156574 byte)
Spezzone tratto dal filmato successivo

 

  

L'inaugurazione della Chiesa Santa Maria 1958 (le riprese furono di Bruno Gamberini)

 

gruppo-collodi-con-nomi-tag.jpg (274680 byte)

Gita a Collodi della scuola media di Alfonsine (anno 1957)

 

don_vitt_gruppo_comunione.jpg (165117 byte)

Anno 1957, nel campetto dell'oratorio, foto di gruppo della Prima Comunione e Cresima
(da sinistra) Claudio Tamburini, Roberto Bragonzoni, Roberto Dragoni, Don Vitt, Roberto Visani, Andrea Tarroni, ?, Luigi Geminiani, Adriano Fini-Barattoni
Da notare i due pioppi appena piantati e confrontarli con quelli odierni

 

don-vitt-e-comunicandi-con-.jpg (306749 byte)

 

Anno 1965, nel campetto dell'oratorio, foto di gruppo della Prima Comunione:
sopra i maschi, sotto le femmine

 

don-vitt-e-ragazze-comunica.jpg (346680 byte)

 

 

"Ci sentivamo come dèi e ci comportavamo come tali"

 

rita e le altre.jpg (1299345 byte)

Rita Marini, Don Vitt, Anna Tavalazzi, Giustina Baioni (1960)

Ma fu negli anni ‘60 che la parrocchia del Sacro Cuore, con quel pretino vivace e simpatico dal nome così rapido, ebbe un sussulto. C’era stato Papa Giovanni XXIII, il Concilio Vaticano II, pieno di spirito innovatore e con l’idea di rilevare ciò che c’è di buono nella cultura contemporanea ,aprendo una nuova fase di dialogo col mondo moderno, cercando innanzitutto "ciò che unisce invece di ciò che divide".

Attorno a Don Vitt si formò un gruppo di giovani che cominciarono a proporsi come comunità per tutti i fedeli.
Quel gruppo di giovani, ragazzi e ragazze, condivise con Don Vitt un’esperienza di intensità unica, carica di energia, di momenti di grazia e di fede.

“L’idea nuova che fin da giovanissimi Don Vitt cercò di imprimerci bene nel cuore - ricorda uno di loro - era che Gesù è in ogni persona, compresi noi stessi: un Gesù quindi veramente umano, quindi vicino, “fratello” per dirla con una parola fin troppo usata. Ciò rendeva possibile a ogni persona cercare la “divinità” dentro di sé e nei rapporti interpersonali. Ci sentivamo come dèi e ci comportavamo come tali.”


Dialogo e intreccio di culture


Quando poi a metà degli anni ‘60, in piena epoca psichedelica, qualcuno in California comunicò da un microfono del palco a un grande raduno hippy “Siete tutti Dèi, comportatevi come tali”, alcuni di quei giovani alfonsinesi sentirono di essere in sintonia col mondo e di essere pronti a condividere con altre culture quella sensazione estatica. Don Vitt insegnò loro anche a vivere la fede nella vita quotidiana, nella storia del proprio tempo. Quelle esperienza di comunità cristiana si intrecciarono così ad esperienze forti del periodo e della cultura hippy e visionaria di quegli anni e, poi, al periodo delle lotte operaie e studentesche.
Anticipando la cultura psichedelica del film Jesus Christ Superstar con la passione visionaria della figura di Gesù dei Vangeli, alcuni arrivarono fin quasi a prendere Gesù come modello di vita anche esteriore. 
“Iniziammo a muoverci come gruppo andando a visitare i vecchi dell’ospizio e passando con loro interi pomeriggi domenicali. Incontravamo giovani di altre comunità vicine, per condividere con loro le nostre sensazione e il nostro nuovo modo di vivere la fede.

 

Alcuni brani della Messa Beat

Una messa beat, poi l'incontro con i focolarini e con Francesco Guccini

 

Scoprirono il bisogno di una liturgia più coinvolgente e meno fredda, inventandosi una prima “messa beat” (che a qualcuno ora, e anche allora, può fare accapponare la pelle) dove a tempo di rock, con tanto di chitarre e batteria poste nell’altare laterale di S. Antonio, accompagnavamo la S. Messa, dal vivo, alternando un Padre Nostro cantato a ritmo di rock, con un “Blow’ in the wind” di Bob Dylan in versione italianizzata.”

Panettone Alemagna 900g Quei giovani mettevamo la passione anche nel costruire il presepe della chiesa, legandolo ai momenti di attualità come la guerra del Vietnam, o nell'esporre un cartello in chiesa nella notte della vigilia di Natale con scritto: Natale non è "Alemagna" ("Alemagna" era ed è ancora oggi una celebre marca di panettoni) 

Visitarono la comunità dei Focolarini e là incontrarono giovani che vivevano a contatto con la natura, in piena libertà e pieni del mito di Gesù. Una vera comune, come quelle di cui avevamo sentito narrare in America, nel movimento hippy. Là, quel giorno incontrarono Francesco Guccini, anche lui in visita a quella comunità cristiana. Fu invitato a cantare "Dio è morto", con la partecipazione corale di tutti. E pensare che in TV era un brano ancora censurato. 

 

 

 

Francesco Guccini com'era quando i giovani della parrocchia di Alfonsine lo incontrarono a Loppiano


«E
poco dopo andai anche a Loppiano, e mi esibii, anzi, fui preso di forza e piacevolmente costretto a cantare davanti ai focolarini

(dichiarazione di Francesco Guccini)
(cliccami)

Regista di questo incontro era stato l'arzillo "nonno Pippo", Antonio Prandi, zio di Guccini, fratello di mamma Ester. Di area cattolica, ha sempre stimato il nipote "anarchico" tanto da proporlo agli amici di Loppiano perfino quando ancora Francesco si considerava un poeta-paroliere.

 I problemi sociali, le lotte operaie, il Vietnam, il movimento studentesco. 

Legarono la loro religiosità alla teologia della libertà dei paesi del terzo mondo: e quando qualcuno di loro scrisse sulla facciata della chiesa a vernice rossa "La chiesa è dei poveri" , don Vitt li corresse direttamente durante l'omelia in chiesa, dicendo che la nostra "è la chiesa dei poveri", non che "la chiesa è dei poveri". Non fu semplicemente una gioco di parole, per accontentare capre e cavoli: in quel modo Don Vitt segnò in modo positivo l'avventura, in cui alcuni poi si tuffarono nel 1968, di nuovo con tutta la passione di cui erano capaci: i problemi sociali, le lotte operaie, il Vietnam, il movimento studentesco. Forse è per merito di Don Vitt ("Gli ultimi saranno i primi, ma non i soli"), che riuscirono a salvarsi l'anima da quel periodo turbinoso, che vide molti di loro, cattolici della comunità del Sacro Cuore, attivamente coinvolti nelle lotte studentesche e operaie di quel momento (fecero davanti alla chiesa una raccolta di soldi in favore degli operai della "Marini" in sciopero): ma sempre con la tolleranza nel cuore e col rifiuto di ogni violenza e fondamentalismo.

 

gruppo con rita , renzo, anna e altri io no.jpg (973938 byte)

Un incontro con missionari saveriani nel giardino della Villa 'Flora', in corso Garibaldi: da sinistra: Renzo Ricci, Marisa Gregori, Rita Marini, Mazzotti, ?, Vincenzo, Giancarlo Faccani (Bagarò), ?, Letizia Marini, Missionario Saveriano, Sergio Mazzotti, ?, Giustina Baioni, Anna Tavalazzi.

Scontro con la chiesa-istituzione

L'approfondimento delle letture (Vangelo, Encicliche, documenti del Concilio Vaticano II) che Don Vitt chiamava a fare, cominciò a portare alcuni verso limiti non accettabili dalla chiesa-istituzione. Emerse visione radicale del Vangelo e del Concilio Vaticano II che spingeva ad ancora "piu' oltre". 
“Noi ritenevamo possibile raggiungere stati di grazia estatici rendendo alcuni sacramenti più vicini al nostro modo di sentire, e modellati sulle prime comunità cristiane: l'eucaristia e il rito della messa praticate in luoghi naturali e non solo in chiesa, il rito dello spezzare il pane di bere il vino praticati come se fossimo a un semplice e comune banchetto, la confessione come pratica intima con la propria coscienza senza il bisogno del sacerdote, la sessualità, anche fuori dal matrimonio, vissuta come atto d'amore e mai come peccato, per cui non era più necessario confessare alcunché…” Questi erano i temi in discussione e diventarono terreno di scontro con Don Vitt. In quel periodo Don Vitt portò a termine gli studi di giurisprudenza conseguendo la laurea all'Università di Bologna. 

 


Don Vitt fu trasferito in altra parrocchia

Forse fu anche per aver dato spazio a queste occasioni di meditazione e di discussione che fu costretto nel 1973 a lasciare la parrocchia, accusato di essere un prete comunista, e trasferito dal vescovo della diocesi Mons. Bergonzini a Faenza, dove gli fu affidata la Parrocchia di San Giuseppe artigiano. Le strade di quel gruppo si separarono… la vita segnò per tutti altri percorsi… altre storie. 

Una nuova avventura a Faenza

Nella nuova parrocchia di Faenza mantenne l’incarico fino al 1995, quando per motivi di salute rinunciò, pur rimanendo presente fino alla morte come vicario parrocchiale.  Seppe anche là conquistare il cuore dei suoi parrocchiani. Così si legge nel sito web della parrocchia “San Giuseppe artigiano” di Faenza:
“Don Vitt ebbe vari incarichi nel presbiterio faentino come Priore del Collegio Parroci, Vicario urbano e membro di tante Commissioni e Consigli. Attento ai movimenti ecclesiali post-conciliari e alle novità sociali, fu promotore di nuovi modi di “farsi prossimo” a chi era in difficoltà nel nostro Paese e nel mondo missionario. Vale la pena ricordare il “pullman amico”, un vecchio tram ricevuto in dono dalla Amministrazione Comunale che, attrezzato da camper, fu utile per realizzare interventi consistenti, quali due fabbricati in muratura, in Friuli prima, dopo il terremoto del 1976 ed in Irpinia poi, dopo il terremoto del 1980. Diede spazio a Giorgio Nonni, reduce dal Mato Grosso, accogliendo una delle prime esperienze di obiettore di coscienza in Italia, e collaborò perchè il movimento “Operazione Mato Grosso” di Padre Ugo de Censi si consolidasse a Faenza. Fu anche vicino ad altri movimenti missionari faentini; basti ricordare l'AMI e MANI TESE, per il quale in varie occasioni, ultima la ricorrenza del suo 50° anniversario di ordinazione sacerdotale, raccolse fondi per la perforazione di pozzi. 
Nel 1998 fu operato di un tumore al rene: un’operazione ben riuscita. 

L'ultimo incontro con Alfonsine nel 2000, nel 50° di sacerdozio
Una domenica di settembre del 2000 gli alfonsinesi della parrocchia Sacro Cuore si ritrovarono ancora tutti, insieme a Don Vitt… ormai cinquantenni e oltre, alcuni neanche più appartenenti alla comunità cristiana. 

L’occasione fu la ricorrenza del 50° del suo sacerdozio. 

E ancora una volta, durante la messa di Don Vitt, captarono una forza creativa e un'energia positiva, già sperimentate.  

Un incontro piacevolissimo per tutti, 

Don Vitt era in gran forma. 

Dopo la fine della giornata commemorativa, chiese di incontrarsi con quelli che considerava il 'suo primo gruppo attivo'. 

wpeF.gif (105606 byte)

 

don vitt 2000 chiesa.jpg (436612 byte) don vitt a Alfonsine 50esino in chiesa copia.jpg (6123028 byte)

2000: Don Vitt torna a dir messa nella chiesa Sacro Cuore

don vitt a Alfonsine 50esino2 copia.jpg (5230431 byte)

don vitt a Alfonsine 50esino in chiesa2.jpg (5277211 byte)

Da sinistra fila dietro: Umberto Pagani, Luciano Lucci, ?, Rita Marini, moglie di Cesare Baldi, Peppino, Stefania Marini, Elio Marini, Domenico Martini, Paola Costa, In prima fila da sinistra: moglie di Martini, dott. Sgarbi, Don Vitt, Hedda Forlivesi.

Hedda Forlivesi

don vitt a faenza 50esino2.jpg (4716465 byte)

Moglie di Franco Cortese, moglie di Tagiò, moglie di Pietro Graziani, Tagiò, Vittorio Forlivesi, Pietro Graziani, Andrea Pagani, Utilla Geminiani, Don Vitt, Fabbri, Hedda Forlivesi, ?, Bellini, Vecchi, ?

don vitt a faenza 50esino5 copia.jpg (6622428 byte) Moglie di Franco Cortese, Andrea Pagani, Moglie di Pietro Graziani, Pietro Graziani, Paola Minguzzi, Vittorio Forlivesi, Utilla Geminiani,  Don Vitt Hedda, Bellini, moglie di Neo Vecchi

Nei primi giorni del 2003 fu ricoverato in Ospedale, prima al Civile di Faenza, poi alla Clinica S. Pier Damiano, per un susseguirsi di scompensi che lo hanno portato alla morte il 29 maggio 2003, nel giorno della ricorrenza della festa dell'Ascensione di Nostro Signore, assistito, specialmente negli ultimi mesi, giorno e notte dai suoi amici parrocchiani di Faenza.

piazzale-chiesa-sacro-cuore.jpg (235443 byte)

Anno 1960: il piazzale ricostruito con la chiesa del Sacro Cuore, dopo che la chiesa Santa Maria fu ricostruita alla sinistra del Senio nel paese nuovo.

chiesa-sacro-cuore.jpg (116525 byte)

Anno 2000: chiesa del Sacro Cuore

In memoria di Don Vittorietti

di Luciano Lucci
(un click sull'articolo qui sotto per averne un ingrandimento)

articolo su voce del senio copia.jpg (7717294 byte)

Ho scritto di Don Vittorietti su Internet nel 2008 a cinque anni dalla sua scomparsa, perché sono sicuro che ne sarebbe stato contento. 

Già un’altra volta avevo pubblicato, insieme a Giustina Baioni, questi pensieri su di lui, in un giornale locale "La Voce del Senio" del mese di settembre del 2000 (qui a sinistra). Lo facemmo per fargli sapere che nonostante le nostre strade si fossero divise, lui era ancora ben presente nelle nostre menti e nei nostri cuori. Dopo qualche tempo ci sentimmo per telefono e mi disse che l’articolo che avevamo scritto su di lui gli era piaciuto molto, lo aveva fatto leggere al suo vescovo, per fargli capire chi era lui e cosa aveva fatto ad Alfonsine.

Don Vitt era arrivato a quel punto della vita in cui uno si chiede se ha lasciato qualche segno positivo, magari nella speranza di essere ricordato un po’ oltre la morte. Ma mentre per chi ha famiglia-figli-nipoti, l’essere ricordati almeno per 80 anni è quasi una certezza, per un prete la domanda è “Chi si ricorderà di me, qualche anno dopo la mia morte?”.

In tutti gli ultimi incontri pubblici in cui è stato presente qui ad Alfonsine, nella “sua” chiesa “Sacro Cuore” ha avuto la certezza di aver seminato bene e questo lo rincuorava molto. Chiedeva a tutti se si ricordavano i momenti, le esperienze vissute insieme a lui, chiedeva di raccontarle, quasi si fosse accorto di quanto la sua memoria rischiasse di perdere colpi. La speranza era che ciascuno dei suoi vecchi parrocchiani ne conservasse un pezzetto in modo che il puzzle lo si potesse sempre ricostruire insieme.

Oggi che non è più tra noi, penso a una cosa bella e importante che ho imparato da lui: salvare il mondo non significa modificare le cose, fare rivoluzioni, abbattere sistemi, quello che bisogna fare è vivificare il mondo, aumentare la percezione della sua sacralità, e l’unico modo è cominciare a scoprire in noi stessi dove sta la vita, e diventare noi stessi esseri sacri, déi.

Forse non era proprio questo che Don Vitt intendeva insegnarci quando diceva che dobbiamo vedere Gesù in ogni persona, o che Dio è ovunque e va cercato anche dentro di noi, o che dobbiamo testimoniare il Gesù che è in noi… 

Come sempre sono andato oltre…  e spero che Don Vitt non si scandalizzi se ora lo saluto con una citazione di Alan Watts (un prete cattolico americano che diffuse la filosofia Zen in America negli anni ’60, e che fu spretato) che sintetizza ciò che ho creduto di aver imparato anche da Don Vitt, (ma sono certo lui non condividerà…):

“Come è possibile che un essere con gioielli sensibili come gli occhi, strumenti musicali magici come le orecchie, un favoloso arabesco di nervi come il cervello possa credere di essere qualcosa di inferiore a un dio?”

Ciao don Vitt, suonerò per te ogni mattina le mie “Canne del vento”, così te ne accorgi che non ti dimentico.

| AlfonsineChiesa S. Maria e S. Cuore | Ricerche sull'anima di Alfonsine |