Alfonsine


| Alfonsine |
Ricerche sull'anima di Alfonsine |
Michelangelo in cammino verso  Santiago de Compostela (2016) |

In bici da Madrid ad Alfonsine 

Il diario di Michelangelo Vignoli, un ragazzo di Alfonsine 
in viaggio in bici 
dal 1 aprile al 15 aprile 2017

  (cliccare sulle foto per avere un ingrandimento)

a cura di Luciano Lucci 

1 aprile         Hola España!

 

 

Sono arrivato ora a Madrid, il viaggio è andato benissimo. Ho deciso di passare la prima notte in un ostello non lontano dall'aeroporto per poter riposare bene e sistemare al meglio la bicicletta per la partenza di domani mattina. Fuori si sta bene, ci sono 18 gradi, ma domattina se ne prevedono 3. Sono steso su un letto, ho il Wi-Fi, in TV c'è DmaxEspaña e sono consapevole che questi saranno gli ultimi comfort che mi coccoleranno. Dall'ostello si vedono già le montagne in lontananza. Vedendole dall'alto oggi in aereo confesso di aver avuto un filo di smarrimento perché ce ne sono davvero tante, ma la voglia di mettersi in gioco è tantissima. Vi lascio al vostro sabato sera nelle discoteche, nei pub, nei ristoranti o nelle vostre case. Io sto per immergermi nella natura selvaggia e ho il cuore in gola per l'emozione!

2 aprile

 

Buongiorno a tutti! Qua in Spagna c'è il sole, ma tira vento e ci sono 5 gradi. Ho già percorso una cinquantina di km e a parte il freddo direi che va tutto bene! Adesso rimonto subito in sella prima che mi congeli!
Ah, se avete voglia fare un salto in edicola: sul Resto del Carlino si parla della mia avventura!

 

GIORNO 1 FINITO

Sapevo che sarebbe stata dura, ma forse non pensavo che sarebbe stata così dura fin da subito. Appena uscito da Madrid la strada ha iniziato a salire; non sono salite lunghe, ma ti tagliano in due gambe e mente. In più ci si è messo anche un fortissimo vento contrario a complicare la situazione. Ho cercato di tenere duro come potevo e alla fine mi sento davvero soddisfatto. Oggi ho percorso 113 chilometri, e considerando che erano pieni zeppi di salite posso dire che è stata davvero una bella giornata. Oggi ho visto colline verdissime, campi di grano immensi, zone boschive apparentemente inesplorate, conigli e caprioli che mi tagliavano la strada. Se dovessi descrivervi dove sono ora probabilmente non riuscirei a rispondere con esattezza. Mi sono accampato completamente in mezzo al nulla e l'unica cosa che so è che la vista è davvero stupenda. Ah sì, fa un freddo boia, ma questo tecnicamente non dovrebbe fare testo...
Non mi resta che augurare una buona serata a tutti. Qua, da qualche parte in Spagna, si vedono le stelle, e ci giuro che sono bellissime.

michi carlino.jpg (112899 byte)

3 aprile

Ragazzi! Sono a Maranchon, a 1350 metri di altitudine, fa freddissimissimo e ci sono tante tante salite. Stanotte sono riuscito a dormire un po', ma il freddo si è fatto sentire. Al mio risveglio la tenda era coperta di brina e la temperatura era abbondantemente sotto lo zero. Sono condizioni totalmente sconosciute per me e sto facendo il possibile per andare avanti verso Saragozza che dista circa 200km da qua!

GIORNO 2 FINITO

Oggi giornata assurda. Sveglia in mezzo alle montagne con la brina sulla tenda, monto in sella ibernato sperando di scendere di quota, invano. Salgo su un altopiano a quasi 1400 metri d'altezza e la strada è tutta un sali e scendi. Freddo boia. Inizio a scendere a quasi 50 all'ora con gli occhi che mi si ghiacciano, il percorso diventa sterrato, poi asfaltato ed in salita, poi di nuovo sterrato ed infine asfaltato. Arrivo ad un paesino dove vivranno forse 4 pecore, cerco qualcuno e mi portano in un campo dicendomi che qui mi posso accampare senza problemi. Oggi ho percorso 122km, me ne mancano 110 circa a Saragozza e sono al massimo dell'esaltazione! Mi appresto a passare un'altra gelida notte sotto le stelle... Vamos!

4 aprile

Come la nebbia non lascia cicatrici
sul verde cupo della collina,
così non ne lascia il mio corpo su di te,
né mai ne lascerà.
Quando il vento e il falco s'incontrano,
che cosa rimane di duraturo?
Allo stesso modo ci incontriamo, 
io e te,
per poi rigirarci e dormire
come tante notti resistono
senza la luna né una stella,
così anche noi resisteremo,
quando uno di noi sarà via, lontano.
Leonard Cohen

 

GIORNO 3 FINITO

Ragazzi, sono carichissimo! 

Oggi mi sono svegliato con un dito di ghiaccio sulla tenda, ho fatto 115km, pedalato contro venti a 40kmh, salito due volte sopra i 1000 metri di quota, sceso a 250, arrivato a Saragozza, goduto della vista di una delle più belle cattedrali del mondo e proseguito fino a questo piccolo paesino: "Perdiguera". 

Ho conosciuto un signore che mi ha dato il permesso di accamparmi in un campo da tennis al coperto e sono contentissimo perché finalmente stanotte potrò dormire tranquillamente senza svegliarmi alle 5 mezzo ibernato. 

Domani mi avvicinerò ai Pirenei, la parte più dura del percorso. Sto raccogliendo informazioni per capire cosa mi aspetta, intanto affilo gli artigli e mi preparo alla sfida!
Mi sento più vivo che mai. Sogni d'oro a tutti!

michi freddo.jpg (45226 byte)

 

 

 

 

michi panorama.jpg (92596 byte)

michi faccia.jpg (63738 byte)

michi tenda3.jpg (60912 byte)

5 aprile

GIORNO 4 FINITO

Dopo giornate intere passate a salire e scendere tra altipiani e colline, arrivare in minuscoli paesi sperduti, essere costantemente accompagnati da un paesaggio brullo, secco, disarmante, ora tutto cambia. I Pirenei te li trovi davanti così: imponenti più che mai, color roccia viva, coperti di neve, la cui vetta oltrepassa le nuvole. Domani sarà la tappa più dura di questo viaggio. Devo passare prima a 1350 per raggiungere Bonasa, scendere e ricominciare a salire verso quella follia alta 1900 metri, di cui so solo che non ci sono paesi, che è durissima e che stamattina ha nevicato. Domani si fa sul serio, e ho deciso di prepararmi al meglio. Stasera, dopo una tappa di 105km dormirò in un ostello a Graus, bellissima cittadina su un lago che ha l'acqua del colore del cielo, mi darò una sistemata, mangerò come un reduce di guerra e ricaricherò le batterie per domani. Per far rendere l'idea: sono talmente emozionato che l'emozione supera la fatica (e fidatevi che ce ne vuole). 
Da Graus per il momento è tutto! Ciao!

 

6 aprile

 

Ragazzi, è pazzesco! Ho scalato il primo passo a 1380 metri, durissimo. Sono sotto zero, tra le nuvole, sento caldo, sento freddo, non ci capisco più niente! Le gambe stanno imprecando in dieci lingue diverse ma adesso riparto e tento la scalata ai 1900. Daiii!

 

GIORNO 5 FINITO

Quello che è successo oggi mi lascia completamente disarmato. Dopo la prima "bestia" a 1380 metri che ha decisamente lasciato il segno, ho iniziato a salire verso il passo che oltrepassa il Pico de Aneto, la cima più alta di tutto il viaggio. Ho percorso più di 500km in questi giorni, ma messi insieme restano irrilevanti rispetto ai 30 che mi hanno portato in cima a questa salita. Il vento, contrario, era talmente forte che non riuscivo a guidare la bicicletta. Sono stato sballottato a destra, sinistra, fuori strada, fino ad appoggiarmi al Guard Rail, ma non so nemmeno io come, sono riuscito a restare in piedi. Ad una manciata di chilometri dalla vetta, oltre ad una curva mi compare la neve al bordo della strada, con mucchi via via sempre più alti. All'improvviso passa un nuvolone, non inizia a nevicare ma il vento diventa fortissimo. Scendo dalla bici, inizio a spingere, la strada sale, la neve dai mucchi inizia a volare ovunque. Freddo cane. Trovo un giaciglio e mi butto addosso tutti (davvero tutti) i vestiti che ho. Prendo la bici a mano e ricomincio a salire, col vento che mi comanda. L'unica cosa che mi sono detto è: "se mi fermo sono fottuto" e sono arrivato in cima. La discesa forse è stata ancora più pericolosa della salita, con le folate di vento che piombavano all'improvviso sulla strada e mi facevano sbandare. Ho lisciato i Guard Rail e sono riuscito a scendere. Sentivo dietro di me la montagna urlare, come se le fossi appena sfuggito e avesse voluto riprendermi, inghiottirmi. L'ultima foto che ho risale a prima della tormenta, quando ero totalmente ignaro di ciò che sarebbe successo. Solo da lì si può capire quanto quel posto fosse inospitale: non crescono alberi, la strada sale all'infinito verso il nulla. Da quel momento ricordo solo gli occhi socchiusi, le mani congelate, la neve che mi taglia le guance. Se ci penso tremo ancora. Oggi è successo davvero di tutto. Fisicamente è dura, ma tengo botta; psicologicamente i Pirenei mi stanno martellando. Stasera dormirò in un ostello e cercherò di recuperare in vista della tappa di domani che prevede l'ingresso in Francia, un muro a 1350 metri e un altro subito dopo a 1000, poi tregua con ste cavolo di montagne! Adesso ci posso quasi scherzare su, però là fuori si sente ancora il vento che sbatte sulla roccia.
Da oggi non guarderò mai più una montagna con gli stessi occhi.

 

 

7 aprile

E l'ultima montagna l'abbiamo buttata giù! 
Ciao Spagna, ciao Pirenei, gracias por todo!
Bonjour France.

GIORNO 6 FINITO

Questa è l'ultima neve, l'ultima montagna, l'ultimo giro di pedale sui Pirenei. Quelle che due giorni fa erano cupole bianche che mi apparivano in lontananza ora sono colline via via sempre più basse che mi scorrono a fianco. Essere usciti da lì confesso che è un vero e proprio sollievo visto ciò che mi hanno fatto passare. Stamattina avevo tante incertezze su come sarebbe stata la mia condizione dopo la follia di ieri, ma dopo una salita a 1380 metri con pendenza media al 12%, un'altra a 1000 con media al 14 e 100km percorsi ho tirato un sospirone di sollievo. Stasera torno sotto le stelle e dormirò in un campeggio tra i colli francesi (dicono che se mi becca la Gendarmeria a dormire accampato in giro mi fanno un mazzo grande quanto il Pico de Aneto). Domani potrei realmente vedere la prima tappa pianeggiante di questo viaggio e avvicinarmi a Carcassonne, che mi affascina moltissimo. Sono passati quasi due anni dalla mia maturità, ma giuro che non mi ricordo una parola di francese! Gesticolo, inserisco inglese, spagnolo, romagnolo e chi più ne ha più ne metta e alla fine mi diverto anche. Un saluto dai colli francesi: i Pirenei li abbiamo vinti!

michi strada.jpg (39765 byte)

 

 

michi bonansa.jpg (38532 byte)

 

michi strada2.jpg (54173 byte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

michi passo.jpg (88167 byte)

michi neve1.jpg (92153 byte)

8 aprile

GIORNO 7 FINITO     Si, vi starete chiedendo tutti quanti perché non ho postato la foto di Carcassonne, o dei colli francesi, o di un paesaggio qualunque. La risposta è tutta qui: cibo. Non mangiavo pasta da troppo tempo e anche se qualitativamente ci vuole del coraggio a definire "pasta" quella della fotografia, io sono comunque al settimo cielo! Oggi ho percorso 110km tutti tra le colline, tra veloci sali e scendi e con un costante vento contrario. Carcassonne è una città bellissima: antica, moderna, piena di cultura, storia, tradizioni, leggende, odori, persone. Stasera dormo a casa di due signori che affittano una camera nella loro soffitta. Al prezzo di un campeggio non mi sveglierò alle 5 coi piedi congelati (spero). Avendo a disposizione la cucina mi sono sbizzarrito: ravioli al sugo (800 grammi e porzione da 4 persone), sugo aggiunto, pane, salame, Nutella, patatine e tavoletta di cioccolata! Stasera andrò a letto sazio come un capodoglio spiaggiato in attesa del tappone di domani. Buon sabato sera!

 

9 aprile

GIORNO 8 FINITO

Parti dal profondo cuore della Spagna, ti risvegli con il ghiaccio sulla tenda negli altopiani, salti sui pedali e ci metti tutto te stesso per passare i Pirenei, con la neve, il vento e alla fine vedi il mare di Montpellier. Dopo tutto quello che ho passato è una liberazione godere di questa brezza, dell'odore della salsedine, dei sorrisi dei turisti che rimangono di stucco quando gli dico che vengo da Madrid. Oggi ho percorso 121km, dormirò in un campeggio sulla costa e mi sento più fresco mai. Appena ho visto questa grande macchia azzurra davanti ai miei occhi ho pensato solo ad una cosa: casa.
Buonanotte!

10 aprile

"E chissà se si può capire
che milioni di rose non profumano mica
se non sono i tuoi fiori a fiorire
e se i tuoi occhi non mi fanno più dormire"
F. De Gregori

 

GIORNO 9 FINITO

Ragazzi, che giornata! Stamattina mi sono alzato presto, ho caricato tutto sulla bici e sono partito più carico che mai. Sapevo che avrei dovuto lasciare il mare e addentrarmi verso l'interno e ho fatto una mega colazione. Ho raggiunto Arles e dopo aver pedalato tra le campagne francesi e risalito alcune colline sono arrivato ad Aix En Provence, dopo un tappone da 146km! Si, pane e Nutella fanno miracoli a quanto pare, ma resto convinto che se ci fosse stato un piatto di cappelletti al ragù starei ancora pedalando in questo momento per la gioia... 
Oggi però è una giornata importante: è il 10 aprile, il giorno in cui ricorre l'anniversario della liberazione nazifascista dalla mia amata Alfonsine. Non potendo prendere parte alla grande manifestazione voglio comunque augurare un buon 10 aprile a tutti quanti. Sono cresciuto coi racconti sulla Resistenza e col tempo ho maturato la consapevolezza di quanto essa sia stata fondamentale per la nostra libertà di parlare, di uscire, di viaggiare. Non dimentichiamoci mai che la pace e la democrazia in cui viviamo oggi sono state ottenute col sangue di chi ha lottato. Ora più che mai dobbiamo difendere questi valori. Viva il 10 aprile, per sempre Resistenza.
Buonanotte

michi nono.jpg (46968 byte)

 

michi nono2.jpg (104273 byte)

11 aprile

GIORNO 10 FINITO

I giorni in viaggio passano così: a volte su una lunga ciclabile che costeggia un bellissimo fiume, a volte su statali trafficate, coi camion che ti sbuffano calore addosso. La Francia, un po' come il mondo attorno è bella perchè varia ed io me la sto godendo al meglio, per come posso. Stamattina sono partito da Aix En Provence, tra le colline. La strada andava costantemente su e giù, come sulle montagne russe. Sono arrivato a Frejus e nonostante tutti i chilometri accumulati ho scalato l'ultimo passo che mi ha portato dall'altra parte, a sentire di nuovo l'odore del mare. Oggi ho percorso ben 151km e ripensandoci su adesso, a mente fredda, non so come ho fatto perché erano tutti tra le montagne. Mi sento un tutt'uno con le strade che percorro, coi rumori nella vegetazione, con tutto ciò che mi circonda. Sono a due passi da Cannes: terra di pellicole, di registi, di macchine che vanno veloci. Il viaggio è un po' come un film; un film in cui dirigi, reciti e guardi. 
"Se è vero che la vita di un essere umano è come un film, io ho avuto il privilegio di essere la comparsa, lo sceneggiatore, l'attore protagonista e il regista del mio modo di vivere"
Gilles Villeneuve

 

 

 

12 aprile

Generale
queste cinque stelle
queste cinque lacrime sulla mia pelle
che senso hanno
dentro al rumore di questo treno
che è mezzo vuoto e mezzo pieno
e va veloce verso il ritorno
tra due minuti è quasi giorno
è quasi casa
è quasi amore.

GIORNO 11 FINITO
In questi ultimi giorni ho visto così tanti posti che riuscirei a malapena ad elencarne un decimo. Poi arrivo in Italia, riscopro la Liguria, con le sue montagne a strapiombo sul mare, il sole caldo, la brezza marina e delle persone fantastiche. Un campeggio, una festa di compleanno, una pizza e tante cose da raccontarsi. Ma che bello condividere tutto questo! Oggi ho percorso 159km, visitato Cannes, Cap d'Ail, Nizza, Montecarlo, San Remo. Ho visto yacht da milioni di euro, Ferrari, Lamborghini, circuiti di Formula 1, personaggi eleganti davanti ai Casinò, ma sopratutto, sono tornato in Italia: il posto più bello in assoluto.
Buonanotte!

michi italia.jpg (93424 byte)

 

 

michi 11.jpg (76851 byte)

13 aprile

Poserò la testa sulla tua spalla 

e farò un sogno di mare
e domani un fuoco di legna
perché l'aria azzurra
diventi casa
chi sarà a raccontare
chi sarà
sarà chi rimane
io seguirò questo migrare
seguirò
questa corrente di ali.
F. De Andrè 

 

GIORNO 12 FINITO

Questo posto è un paradiso. Qualunque aggettivo finirebbe per sminuirlo da tanto che è bello. Oggi ho percorso 150km, salito e sceso tutte le montagne a strapiombo sul mare che la Liguria mi ha gentilmente "offerto". La stanchezza inizia decisamente a farsi sentire, così come tutti gli acciacchi che giorno dopo giorno sono diventati sempre un po' più fastidiosi. Dormo per terra da diverse notti ormai. Domani ho il Passo Centocroci da fare e li darò tutto, tutto, tutto quello che ho ancora nelle gambe e nella testa per cercare di arrivare dall'altra parte. È una salita che conosco, che ho affrontato dall'altro versante e che merita tutto il suo rispetto coi suoi 1060 metri di altitudine e per le pendenze molto ripide. Passata quella sarò in Emilia Romagna, con rotta verso Parma e poi verso casa! Non so come andranno le cose domani, ma so che ce la metterò tutta, in ogni caso. Per capire dov'è il tuo limite devi prima cercare di passarlo.
Buonanotte !

michi 12.jpg (138660 byte)

 

 

 

14 aprile

"Ho letto da qualche parte che nella vita importa non già di essere forti, ma di sentirsi forti. Di essersi misurati almeno una volta, di essersi trovati almeno una volta nella condizione umana più antica, soli davanti alla pietra cieca e sorda, senza altri aiuti che le proprie mani, e la propria testa."
Into the wild

 

GIORNO 13 FINITO

Ragazzi, è il momento! Oggi ho percorso 176km, sono partito vedendo il mare di Sestri Levante, ho toccato le nuvole sul Passo Centocroci sopra i 1000 e sono sceso a manetta fino a Modena, a due passi dalla Romagna! Realmente, non credo di aver mai fatto così tanti chilometri in un solo giorno ma sapendo che mi manca così poco per arrivare non sento minimamente la stanchezza! Domani mattina insaccherò per l'ultima volta la tenda, indosserò la mia divisa e inizierò una piccola passeggiata di 115km fino a casa!
Se volete raggiungermi e pedalare con me gli ultimi chilometri possiamo beccarci a Lugo (io arrivo dalla Via Piratello e giro per Via Quarantola alla rotonda) verso le 14.30, oppure al semaforo di Fusignano verso le 15.
Questa sarà l'ultima notte sotto le stelle che mi hanno accompagnato per 1800 chilometri dal cuore della Spagna, alla follia dei Pirenei, al lusso della costa francese e alla splendida Ligur
ia. 
Ci vediamo domani!

 

michi 13.jpg (69510 byte)

 

 

michi 133.jpg (30185 byte)

15 aprile

Sono a Bologna, ad un tiro di schioppo da casa! 
Adesso riparto in direzione Medicina e Lugo. Chi vuole unirsi a ma negli ultimi chilometri è super benvenuto! Io passerò in Via Piratello verso Via Quarantola intorno alle 14.30 oppure al semaforo di Fusignano alle 15. Passiamo per la strada sotto l'argine del Fiume Senio con arrivo in Piazza Gramsci verso le 15.30!

 

1800km. GIORNO 14 FINITO: MADRID/ALFONSINE 

in bicicletta è un sogno che diventa realtà.

"Ma è necessario affrontare i rischi, perché il rischio più grande nella vita è non rischiare nulla. Chi non rischia nulla può evitare le sofferenze e l'angoscia, ma non può imparare, sentire, cambiare, crescere, progredire, vivere o amare. 

È uno schiavo, incatenato dalle sue certezze o dalle sue assuefazioni.

 Ha rinunciato alla sua caratteristica più grande, la sua libertà individuale. Solo chi rischia è libero."
(Leo Buscaglia)

Grazie a tutti, di cuore.

michi 14.jpg (98149 byte)

 

michi 15.jpg (462723 byte)

michi pap.jpg (174373 byte)

michi bambini.jpg (272418 byte)

michi pap2.jpg (175193 byte)

  (cliccare sulle foto per avere un ingrandimento)

 

michi 144.jpg (81853 byte)

michi gen.jpg (403237 byte)

"Corriere di Romagna"

L'arrivo ad Alfonsine e le interviste televisive

 

 

| Alfonsine | Ricerche sull'anima di Alfonsine | Michelangelo in cammino verso Santiago de Compostela (2016) |

;