Alfonsine

| Alfonsine | Eventi vari | Documenti della Settimana Rossa |

 

Sonetti e Zirudèle

sulla Settimana Rossa

Il Sonetto e la Zirudèla che abbiamo trovato sui fatti della Settimana Rossa tendono a mettere in ridicolo quel movimento di popolo. amplificandone gli aspetti più grotteschi e falsificando anche alcuni eventi. 

Non ci fu nessuno tra gli intellettuali che diede la propria voce e penna per quell'impresa fallita,né allora né mai.

La settimana rossa nei vari paesi di Romagna
Cosa fu la Settimana Rossa 
Le cause
Dove avvenne

Personaggi storici coinvolti:

Le foto
Documenti
Video-interviste
Giornali e periodici dell'epoca
Bibliografia
Narrativa sulla "Settimana Rossa"
Articoli pubblicati su "Alfonsine mon amour"

Dalla raccolta storico-poetica (142 sonetti in dialetto romagnolo) di M. Mazzotti, Ravêna e al su stôri (Ravenna e le sue storie), Ravenna, Longo, 1994, p. 301.

LA STMÂNA ROSSA

Repòblica tabëch!! E la Rumâgna
la ciapè fugh cumpâgna un suifanël, 
un fugh ad pàia ch'e' durè una stmâna, pasion bèn tânta e gnânch un pô d' zarvël:

cis brusêdi in zitê coma in campâgna, 
par êria nench e' zìrcol libarêl, 
barichêdi int al strê: una buriâna. 
E e' pôr Miniàgio ch'u i lasè la pël.

A e' Sêvi, pu, i lighè nench di suldê
e Agliardi ch'u i cmandéva e' fo custret 
a lasè zo la spêda a mets in sdê

cun tot i rivultus tórna un banchet
e... svegna!: di bucion d'sazvês da bê
e dal grândi stagnê pini d' caplet!

LA SETTIMANA ROSSA

Repubblica, ragazzi!! E la Romagna
prese fuoco come uno zolfanello,
un fuoco di paglia che durò una settimana; passione tanta ma riflessione poca:

chiese bruciate in città e nelle campagne, all'aria anche il circolo dei liberali,
barricate nelle strade: una buriana.
E il povero Miniagio che ci lasciò la pelle.

Al Savio catturarono addirittura dei soldati
e Agliardi che li comandava fu costretto
a deporre la spada e a sedersi

con tutti i rivoltosi attorno a un tavolo
e... giù!: bottiglioni di sangiovese da bere
e grandi pentoloni di cappelletti!!

E sciòpar dla Rumâgna

Massimo Bartoli (1876-1943), poeta dialettale autodidatta di Bagnacavallo, canapino nella stagione invernale e cocomeraio d'estate, andava nei mercati dove vendeva per pochi soldi i suoi versi scritti.
Con la seguente composizione "E Sciòpar dla Rumâgna" esordì nella sua attività poetica. Il testo di ben 156 versi fornisce, con un leggero umorismo e ironia, ma anche disprezzo, un racconto non sempre esauriente e fedele agli eventi della "Settimana rossa", dove appare chiaro che i fatti raccontati sono il risultato delle versione tramandate di bocca in bocca, non dai protagonisti. (Pubblicato dalla Pro Loco di Bagnacavallo nel 1972 in un'elegante raccolta con traduzione italiana a fronte.

L'è zuzest una zizagna

Cun e sciopar dla Rumâgna,

In pranzepi de mes d' Zogn

Tabachèz furt coma i frogn

i fasè un gran ribilion

Cun e scop d' rivuluzion.

 

A Ravena e in d'i et pais

I brusè una massa d' Cis,

Zircul d' Sgnur e Stet Zivil,

I taiè una massa d' fil

Coma ades ui è e custom

Chi s' n' inseruv d' avde lom.

 

I s' aviè acsè a la baura

In d' di sid i ha fat paura

Tant ai zuvan quant ai vec,

In d d' iet post i ha dè sachég.

I se instech in d' dal ca d' Sgniur

Dov chi ha vest d' àndè sicur.

 

Cun tot quanta libartè

Quel ch'i è pèrs i ha dbu e magnè

E pu dop i ha tolt so al schiopi

A la fen an so pu cun scopi.

Da Ravena pöc luntan.

Una vèla deta e Mzan.

 

Cun ste mot d' rivuluzion

I ha dè fugh a la Stazion

Ons bot d'ven a Capitèni

Sti fiulez e de puteni

I avè o cor d' mulèiàl tot

E pu dop i brusè al bot;

 

Tota zent pu che a ca sova

Quand cl'è pas e temp da l’ova

I piò tent invez dl' amzetta

I ha e möd d'be sol dl'aqua schietta.

A gl' i è rob c' al fa tarmè

A sintin sol a parlè. 

 

Dop par dèvan una prova

L' Arziprit a Valanova

Il tratè l' istes d'un can,

Ui tuchè d'scapè in t'un gran

Chi l' avleva mazè d'bot

L'è stè pers un dè e una not;

 

E lo in Cisa e in Sacresteia

Tot gna quel i purtè veia;

Tot i banc i aramasè,

I cunfes i i i schiampè,

Al scaran dal cunsureli

Al sutan di cunfrateli

 

Cun i fioch cun i curdon

Tot al tend e i cunfalon,

I candlir dl'alter magior,

Un s' salvè gnanc e Signor.

Quand i avet aramasè

Tot quant quel chi bse atruvè

A lè dsota i i i dè e fugh

E pu dop i mudè lugh.

 

A i avi pu da save

Parchè i banc i era tarle

I bruseva ad us dla teda

Uggn' è dobi che ansôn al creda

In t'la zent ui era un sclam

Tot la not e durè al fiam

E acsè un fugh un s'è vest mai

Us salvè sol al murai.

 

La pareva una Repoblica

I brusè la pesa poblica,

I dè e fugh a e palazon

A lè in pet a Iusafon,

E chi soci ch'era alè

Quand i vest un quel acsè

Par nos fè bruser a e fugh

I fasè prest à mudè lugh.

 

Dop iandè dentr' in te Cino

Alè avsen a e Palaz d' Aldino

Nench a lè i dasè de dan

I ardusè tot al scaran

Tot al banc i aramasè

E pu dop i li brusè,

I fasè acsè un praparèt

Par distrozr' è fabrichèt

Mo a lè pet i n'ha riuscì

L'è avanzè sol arustì. -

 

Dop s'anden agl'Infulsen

L'è zuzest da gl' i etr' arven,

I n'ha fat tot quant al raza

L' aparec dla luz in píaza,

I ha taiè una massa d' fil,

I ha dè e fugh a e Stet Zivil

Che par fer un nov rigestar

U i avrà du tri simestar.

 

Cun la scusa d'tot stal legh

I s'è instech in d'dal butegh

I ha port vela dla farena

Da fe e pan cl'etra matena.

I ha port veia dal furmeli,

Di parsot, dal murtadeli,

E dal copi e un quelch salam

E pu i des  “Avema fam”.

 

Dop a quist un'atra schiera

In t'al quatr' o al zenqv dla sera

I fasè tent d'chi misfët

Chi pareva dvinte mët.

I stamzeva, i sflagileva

Tot quant quel c'ai capiteva,

Pio feruz e can'è al beluv

Quand al scapa d' in t' al seluv,

Is sinteva d' ira stridar,

I rumpè una massa d' vidar,

Fen l' urloi i l' ha tólt veia,

Un s' pò save ch' ora cus seia -­

 

Dop s' avnen in so pian pian

As puten farmé a Fusgnan

E vultè da Piancastel

Anch a lè i ha fat qual quel.

Piancastel cl' è ôn di gros

No savend cosa cu s'fos

(L' è ôn c' cnos e pel in tl' ôv)

Ui dmandè “Cus a i ël d' nôv ?”

Alora ôn e rspundè asta dmanda

”L' è un roba tropa granda”.

“Par c' mutiv mo ?” "Parchè Sgnor

A n' ho magne cl' è 24 or”.

“Alora un s'trata migh d' quatren

Avi bsogn sol d' pan e d' ven,

Me un pè d' res unest e brev

Ech raghez, questi agl' i è al cev

Che sa si in mancanza d' pan

Al putì fè cun e mi gran”.

 

Alora quist il ringraziè

I ciapè al cev e pu is' aviè,

I andè in là tot quënt insen

I arvè l' os de magazen

E par fè una pèrt unesta

I in tus so un quintel a testa.

 

Dop esend parsona nobila

L' è pruvest nench di' automobila

Alora nerz d' aviès da lè

I sciuparent i gl' i a d' mandè,

Tignamod l' è cort bamdida;

Alora i ciama l' om c' la guida

E i andè so tot quènt insen

“Sgnor Patron al saluten”

 

I cantava coma i mët

I pasè da Bel rizët

“La benzina si' an ven manca

Ariven a e pont dia pianta

E pu dop a turnèn indri

Sun a ietr' a puten di

Cun un sciopar coma in cu

S' Uggn' è ch' pianz nô as sen gudù

 

In t' al quatr' o al zanq dla sera

I pasè da Travarsera

A Fusgnan i riturnè

Cl'era incora un' ora d' dè

E pu i des tot quent insen

“Sgnor Padron al ringrazien”.

 

E' successo una gran zizzagna

con lo sciopero in Romagna

all'inizio del mese di Giugno

ragazzi forti come i frogn

fecero una grande ribellione

con lo scopo della rivoluzione

 

A Ravenna e negli altri paesi

bruciarono molte chiese

circoli di Signori e Stati Civili

Tagliarono molti fili

Che come si usa oggi

servono per vederci.

 

Se n'andarono così alla baura (?)

E in certi luoghi hanno fatto paura

Tanto ai giovani quanto ai vecchi.

In altri luoghi hanno saccheggiato

Si sono introdotti nelle case di ricchi

Là dove hanno capito di andare sicuri.

 

In completa libertà

Hanno bevuto e mangiato ciò che volevano

E poi hanno imbracciato i fucili

Alla fine non si sa a che scopo.

Da Ravenna poco lontano

Una paese detto Mezzano.

 

Con questo moto rivoluzionario

Hanno incendiato la Stazione

Undici botti di vino al Capitano

Questi figli di puttana

Hanno avuto a cuori di lasciarglielo tutto

E poi dopo bruciarono le botti,

 

Tutta gente che a casa propria,

Passato il tempo della vendemmia

La maggior parte invece della caraffa di vino

Possono bere solo acqua schietta.

Sono cose che fanno tremare

A sentirne solo parlare.

 

Poi per darvene una prova

L'arciprete di Villanova

Lo trattarono come un cane,

Che dovette scappare in un campo di grano

Perché l'avevano ammazzato di botte

Rimase perso un giorno e una notte,

 

E a lui in Chiesa e in Sacrestia

Ogni cosa gli portaron via;

Tutte le panche hanno ammassato,

I confessionali  hanno fracassato,

E poi le sedie delle suore

Le vesti dei frati

 

Con i fiocchi e coi cordoni

Le tende e i gonfaloni,

I candelieri dell'altar maggiore,

Non si salvò neanche il Signore.

Quando ebbero ammassato

Tutto quanto ciò che trovarono

Lì sotto l'incendiarono

E poi dopo se ne scapparono.

 

Dovete poi sapere

poiché i banchi erano tarlati

bruciavano addosso della teda (?)

Non c'è dubbio che qualcuno lo creda

Nella gente c'era un sclam

Tutta notte durarono le fiamme

Un fuoco così non si è visto mai

Si salvarono solo i muri.

 

Sembrava una Repubblica

Bruciarono la pesa pubblica

Incendiarono il palazzone

lì di fronte a Giuseppone,

E quei soci che erano lì

Quando videro una cosa così

Per non farsi al fuoco bruciare

Fecero presto a scappare.

 

Poi andarono dentro al Cinema

Lì vicino al Palazzo di Aldino

Anche lì fecero danni

Ammucchiarono tutte le sedie

Tutte le panche ammassate

E poi le bruciarono,

Fecero in modo così

Di distruggere il fabbricato

Ma lì non ci riuscirono

Che rimase solo arrostito.

 

Poi se andiamo ad Alfonsine

sono successe degli altri disastri,

Ne hanno fatto di ogni tipo

L'apparecchio della luce in piazza,

Hanno tagliato un gran quantità di fili,

Hanno incendiato lo Stato Civile

Che per fare un nuovo archivio

ci vorranno due o tre semestri.

 

Con la scusa di tutte queste Leghe

Si sono introdotti nelle botteghe

Hanno portato via farina

Per fare il pane la seguente mattina.

Hanno rubato delle forme

Dei prosciutti, mortadelle,

e delle coppe e qualche salame

E poi dissero: "Abbiamo fame".

 

Dopo questi un'altra schiera

verso le quattro o le cinque di sera

Fecero tanti di quei misfatti

Che sembravano diventati matti.

Pestavano, sbattevano

tutto quanto capitava,

Più feroci delle belve

Quando scappano nelle selve,

Si sentivano urlare di grida,

Ruppero una quantità di vetri,

Perfino l'orologio portaron via,

Non si può più vedere che ora sia.

 

Poi se veniamo in su pin piano

Ci possiamo fermare a Fusignano

E girare da Piancastelli

Anche lì hann fatto qualcosa.

Piancastelli che è uno che conta

Non sapendo cosa succedesse

(E' uno che riconosce il pelo nell'uovo)

Chiese loro: "Che c'è di nuovo?"

Allora uno rispose a questa domanda

"E' una roba troppo grande".

"Per qual motivo?" "Perché Signore

non ho mangiato da 24 ore"

"Allora non si tratta di soldi

Avete bisogno solo di pane e vino,

Mi sembra di essere onesto e bravo

Ecco ragazzi, queste sono le chiavi

Che se vi manca del pane

Ne potete fare col mio grano"

 

Allora questi lo ringraziarono

Presero le chiavi e poi se ne andarono,

Andarono là tutti quanti insieme

Aprirono l'uscio del magazzino

E per fare una figura onesta

Ne presero su un quintale a testa.

 

Poi essendo persona nobile

E' provvisto anche di automobile

Allora prima di andarsene da lì

Gli scioperanti vollero chiedergliela,

tanto è cort bambida;

Quindi chiamano l'uomo che la guida

E andarono su tutti quanti insieme

"Signor Padrone la salutiamo"

 

Cantavano come matti

Passarono da Belricetto

"Se la benzina non ci manca

Arriviamo fino alla Pianta

E poi si torna indietro

Se non altro potremo dire

Con un sciopero come oggi

Se c'è chi piange, noi ci siamo divertiti

 

Verso le quatrro o le cinque di sera

Passarono da Traversara

A Fusignano ritornarono

Che era ancora pieno giorno

E poi dissero tutti assieme

"Signor Padrone tante grazie"

 

 

M. BARTOLI (Agosto 1914)  

| Alfonsine | Eventi vari | Documenti della Settimana Rossa |