Teatro Calderoni (e' Baracò) 1924 dopo l'incendio

Alfonsine

                         

Un libro su Alfonsine
"E' Café d'Cài" 

(clicca qui, è tutto sul web)

Questo sito è ideato e gestito interamente da Luciano Lucci             

      cerca  in questo sito 

 
          

 

 

 L'origine del fascismo  e dell'antifascismo  ad Alfonsine
(clicca qui per tornare all'indice di questi contenuti)

CENT’ANNI FA… 1919 NASCEVA A MILANO IL MOVIMENTO DEI FASCI ITALIANI DI COMBATTIMENTO,

E AD ALFONSINE? DI FASCISTI ANCORA NEANCHE L’OMBRA. 
MA PER NON FARSI MANCARE NULLA INIZIANO GLI SCONTRI TRA SOCIASLISTI E REPUBBLICANI SULLA QUESTIONE DELL’”UMANA”.

...

slide_10.jpg (131357 byte)

A MILANO il 23 marzo del 1919 un gruppo di nazionalisti di destra e di sinistra, i reduci dell’arditismo della Grande Guerra appena finita, sotto la guida di Mussolini si coagularono formando un ‘fascio’ ancora vagamente socialista e repubblicano. Scrissero anche un programma che aveva numerose proposte di riforma politica e sociale, “contro due pericoli: quello di destra che odia le novità e quello distruttivo di sinistra", rappresentando la "terza via" tra i due opposti. Rivendicavano anche l’Istria e la Dalmazia, facendo confluire nel fascismo i reduci della guerra, e poi anche quelli fiumani e dannunziani.

img17.jpg (128791 byte)

Il 15 aprile si fecero notare per la prima volta a livello nazionale con una giornata di scontri: i manifestanti dei Fasci Italiani di Combattimento, insieme al Partito Nazionalistafuturisti e arditi, si scontrarono con altri manifestanti anarchici, e già che c’erano diedero l'assalto all'Avanti!, il quotidiano socialista da cui Mussolini direttore era stato cacciato. Il grave fatto poteva rimanere di per se stesso senza grandi conseguenze, ma Mussolini nei giorni successivi si vantò del delitto e rivendicò per i fascisti la responsabilità e l'"onore" della distruzione della sede dell'"Avanti"

Ciò mutò radicalmente l'indirizzo pacifico che il movimento aveva avuto fino ad allora, determinandone quel carattere sopraffattore e violento, che lo avrebbe poi per sempre contraddistinto. 

Nel novembre 1919 si presentarono alle elezioni politiche nel collegio di Milano con capilista  Mussolini, Toscanini e Marinetti, ma non ebbero alcun eletto. Sembrò quella essere la loro fine.  

E AD ALFONSINE?

 I BRACCIANTI E I COLONI (proprietari e affittuari) erano organizzati in Leghe e Cooperative, e l’obiettivo per tutti era difendere questi lavoratori, oltre a trovare il modo di battere la disoccupazione. C’erano le Leghe e Cooperative ‘rosse’ con i socialisti e le Leghe e cooperative ‘gialle’ con i repubblicani. I sindacati “rossi” avevano 1920 iscritti di cui 1253 braccianti, 545 coloni, 169 operai dell’industria.

Le elezioni politiche nazionali del 16 novembre 1919 ad Alfonsine diedero questo risultato: socialisti 1621 Repubblicani 459 Liberali 99 Popolari cattolici 56. In provincia vinsero i Socialisti, mentre a Ravenna-città i Repubblicani. 

DI FASCISTI ANCORA NEANCHE L’OMBRA.  

 

Solo un alfonsinese Marcello Mariani, che aveva frequentato un corso di disegno e grafica a Urbino, e con quel diploma era andato ad insegnare a Milano, venne in contatto con i primi movimenti dei fasci rivoluzionari, per i quali simpatizzò.

 

Anche un altro famoso alfonsinese, Mino Gessi, probabilmente deluso per la tiepidezza e le divisioni in seno al partito repubblicano, aderì al nuovo movimento che, in quel primo dopoguerra, appariva più determinato nella difesa di quei valori di amor patrio per i quali egli aveva combattuto contro gli Austriaci.
(dal libro di E. Strada Mino Gessi l'Idea e la forza pag. 21)

Mino Gessi

Marcello Mariani

 

Nel corso di qualche manifestazione di socialisti capitò pure che alcuni esagitati alfonsinesi prendessero pubblicamente di mira, oltraggiandola, la bandiera nazionale, difesa, invece, da altri fra cui i fratelli Gessi ed il loro cognato Mossotti.

I Gessi, fra l'altro, avevano tutti combattuto valorosamente ed avevano visto perire nella Grande Guerra il cugino Ottorino, morto sul Carso nel 1916.

In quel particolare momento a molti sembrava che solo il nuovo movimento fascista si desse da fare per difendere l'onore del Paese "Italia" contro coloro che inneggiavano alla rivoluzione, insultavano il tricolore ed additavano gli ex combattenti volontari come nemici da combattere.

  Scontro tra socialisti e repubblicani sulla questione dell’”Umana”

Verso la fine del 1919 e l’inizio del 1920 l’episodio più eclatante che coinvolse il nostro territorio fu lo scontro tra socialisti e repubblicani sulla questione dell’”Umana”: si tratta di un territorio tra Anita e Longastrino dove all’epoca le acque si erano ritirate e il terreno rimasto all’asciutto era di 200 ettari. La lega dei braccianti di Alfonsine e di Longastrino pensò bene di mettere in produzione quei terreni per dare lavoro e da mangiare a tanti disoccupati. Per impedire che l’acqua potesse ritornare crearono un enorme fossato di protezione che venne poi chiamato “La Fossa dei Socialisti”. 

umana2 mappa.jpg (81992 byte)

I braccianti chiesero poi al proprietario Piancastelli di avere quella terra per lavorarla con offerte di acquisto, e all’inizio il Piancastelli accondiscese di darla alla Cooperativa di Longastrino. Ma poi anche la Leghe “gialle” dei repubblicani scesero in campo con precise offerte, che il Piancastelli ritenne più vantaggiose e la cedette a loro.
Lo scontro fra la Federazione delle Cooperative (socialista) ed il Consorzio autonomo delle cooperative (repubblicano) sulla gestione di una tenuta complessiva di 800 ettari ebbe gravissime conseguenze sul piano politico, sociale ed umano, che porterà poi nei primi mesi del 1920 a gravi scontri violenti tra braccianti socialisti e braccianti repubblicani sui terreni dell’’Umana’.


 L'origine del fascismo  e dell'antifascismo  ad Alfonsine
(clicca qui per tornare all'indice di questi contenuti)