Alfonsine

| Alfonsine | Personaggi alfonsinesi |

libro-sett-rossa-copertina.jpg (675580 byte)

(scritto da Luciano Lucci)

Un libro sulla Settimana rossa alfonsinese


copertina libro cafe cai.jpg (460477 byte)

(scritto da Tonino Pagani)

Un libro su Alfonsine: "E café d'Cai"

fetonte copertina con streetlib.jpg (412054 byte)

(scritto da Luciano Lucci)  

Un libro su Fetonte un giovane semidio caduto sulle 'terre alfonsine'

Questo sito è ideato e gestito interamente da Luciano Lucci

      cerca  in questo sito 

 
          

 

Francesco Subini 
detto Chicò

(1900-1940)

 

Subini Francesco detto Chicò era nato ad Alfonsine il 16 marzo 1900 figlio di Giovanni e di Fini Domenica. Si sposò con Cavallini Emma (1904-1976), detta Emma ad Serafèn, di professione materassaia e dal loro matrimonio nacque la figlia Alda (1926-1981). 

francesco-subini-moglie-e-f.jpg (49650 byte)

Cavallini Emma (1904-1976), detta Emma ad Serafèn e la figlia Alda, (1926-1981) 
sposata a Demetrio Faccani (1924-2009)

Chicò abitava con la moglie in Via Saffi (nella zona detta “i sabbioni” così chiamata perché un tempo  vi era una cava dove si estraeva la sabbia dal Senio). Uomo di corporatura esile, ma gran lavoratore, svolgeva il mestiere di muratore. Venne sempre perseguitato  per i suoi ideali repubblicani e antifascisti a motivo dei quali conobbe anche la prigione assieme al compaesano Guido Errani. 

A causa delle sue idee, contrarie al regime fascista, alla sera doveva restare confinato in casa perché gli era stato proibito di uscire. Veniva spesso picchiato dalle squadracce fasciste al punto che, nel 1940, morì di meningite a causa delle innumerevoli botte ricevute. Al suo funerale ci fu un gran spiegamento di fascisti che controllavano accuratamente i presenti arrivando perfino a sequestrare quei fiori che, a loro avviso, avevano “colorazioni sovversive” verso il regime. E’ sepolto nel cimitero di Alfonsine. La figlia Alda Subini nel dopoguerra sposò Faccani Demetrio (1924-2009) col quale ebbe un figlio: Faccani Francesco, nato nel 1959.  
(informazioni avute da Sauro Ravaioli e da Francesco Faccani)

 

| Alfonsine | Personaggi alfonsinesi |